ECCO LE NOTIZIE

PIU’ FRESCHE
Sunsweet is an agricultural cooperative

Sunsweet Prunes

Blog

Noi pubblichiamo regolarmente nel nostro blog notizie aggiornate sul benessere, ricette ed altro.

Continua così – vai alla grande!

Pubblicato da Sunsweet - 07/9/2017

Con la fine dell’estate ormai davvero imminente, resta un importante compito da svolgere per prepararsi bene per i mesi a venire. Quale compito? Scoprire come rimanere motivati, attivi e in buona salute anche durante l’autunno e l’inverno.


Outdoor - vita all’aria aperta

Man mano che le giornate si accorciano e il tempo volge al freddo, è normale che la voglia di fare attività fisica all’aria aperta cominci a venir meno. Con un po’ di creatività e qualche piccolo trucco, si può facilmente aggirare l’ostacolo.

  • Quando il tempo è ballerino, la parola chiave è “flessibilità”. Piuttosto che programmare di fare attività un determinato giorno a una determinata ora, seguite il tempo: se non piove, approfittatene – fosse anche solo per una camminata veloce intorno all’isolato una volta imbastita la cena.
  • Anziché l’aperitivo o il cinema in settimana, perché non organizzare una “camminata-e-chiacchiere” con le amiche durante il weekend?
  • Se investite in qualche buon capo tecnico anti-acqua, non basterà qualche goccia di pioggia a distogliervi dal vostro intento. Potreste anche riempire il termos con una buona zuppa calda da gustare all’aria aperta a fine attività!

Indoor - attività che non sbancano il banco

Abbonarsi a una palestra o chiedere l’aiuto di un personal trainer sono spesso soldi ben spesi. Per molti di noi però, sopraffatti dai tanti impegni, è difficile seguire un corso o andare in palestra con regolarità. Ma ci sono molti altri modi economicamente più convenienti per fare attività fisica.

Dall’allentamento con i pesi al salto con la corda, dalle sessioni lampo alle sfide mensili: su internet potete trovare una vastissima gamma di allenamenti di ogni tipo, la maggior parte a costo zero. I video su YouTube e le tante App dedicate al fitness sono ottimi punti di partenza; la scelta è talmente ampia che potete scegliere l’attività che più vi solletica. Forse all’inizio vi potreste trovare un po’ sopraffatti dalla scelta– ma di sicuro non vi annoierete!

Raccogliere i benefici

Tutte le forme di attività fisica– specialmente se le sessioni sono regolari e di intensità moderata– apportano grandi benefici alla salute. Secondo il Servizio Sanitario Nazionale, l’esercizio fisico riduce il rischio di cardiopatie, ictus, diabete tipo 2 e cancro fino al 50% e riduce il rischio di morte prematura fino al 30%.

Dentro e fuori

Lo sapevate che muovere il corpo tende a far muovere meglio anche tutto ciò che ci sta dentro?

Fare una passeggiata dopo mangiato è un’ottima abitudine che favorisce la buona circolazione di sangue e ossigeno; il movimento esterno favorisce anche il movimento interno. Anche quando non avete in programma nessuna attività fisica specifica, perché non concedervi una bella camminata di mezz’ora dopo pranzo o dopo cena?

La vostra digestione vi ringrazierà!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Mai più maldipancia in viaggio

Pubblicato da Sunsweet - 06/7/2017

Con i problemi di digestione non si scherza, specie in viaggio e se ci sono bambini piccoli al seguito. Ma problemi come la stitichezza sono solo un guaio quando la famiglia è in viaggio o ci sono soluzioni semplici per evitare certi mal di pancia da subito?


Per molti di noi, “vacanze” può voler dire:

  1. Distogliere lo sguardo da tutta la faccenda del “mangiare sano”e lasciarsi andare, inserendo nella dieta più cibo spazzatura e capricci, con molte meno fibre del solito.
  2. Disidratarsi. Come il sole appare, la temperatura sale e ci fa sentire il caldo - e la sete – più del solito. Al tramonto, invece, cocktail creativi dai nomi esotici diventano una tentazione per gli adulti. Mentre è importare mantenere alto il livello di liquidi nel corpo, le bevande alcooliche ahimè non valgono in questo conteggio
  3. Rilassarsi lungo il bordo della piscina invece di fare qualche vasca. Tutto quel sole può far sembrare l’esercizio fisico chissà quale sforzo.

Queste tre condizioni possono creare uno sfasamento di quelle funzioni dell’organismo che di solito daremmo per scontate. Risultato: digestione pigra e lenta.

La digestione è in realtà un processo fisico complesso e quando l’apparato digerente va fuori fase, l’intero organismo rischia di risentirne. I problemi digestivi sono tutt’altro che rari tra i vacanzieri. Stando a una ricerca condotta da CondéNet e il California Dried Plum Board, più del 75% di queste persone si è trovato ad affrontare occasionali problemi intestinali in viaggio e il 42 % ha sofferto di stitichezza.

Una digestione lenta, un intestino pigro possono in breve tempo iniziare a causare disagio fisico e addirittura ansia. Che cosa si può fare? Ecco una sintesi dei principali metodi per mantenere l’intestino regolare quando ci si sposta.

Fare buone scelte

Scegliete cibi sani – tutte le volte che è possibile – e assicuratevi di bere abbondantemente. Acqua e succhi di frutta diluiti sono entrambi ottime scelte, dal momento che riescono a calmare la sete e contribuiscono a una corretta nutrizione.

Muoversi

Fate in modo di assommare un po’ di attività fisica ogni giorno, quando la vostra routine cambia. E anche se state viaggiando, di solito ci si può muovere un po’ lì intorno, ogni tanto. Qualcosa di semplice, come una breve passeggiata o un veloce stretching, possono fare meraviglie.

Pianificare per tempo

Fate provvista di una scelta di snack salutari, comodi, da portarvi dietro. Le prugne secche, per esempio, è provato che funzionano per una digestione sana. Potete avere sempre con voi questi frutti, ovunque andiate. E poi, sapete? sono deliziose.

Scaricare lo stress

Anche se normalmente non è lo stress in sé che causa problemi di salute – come i disturbi digestivi di cui stiamo parlando – ma importa il modo in cui lo si tratta, resta importante trovare dei modi di fare che tutto vada avanti. Insomma, non dimenticate di godervi il viaggio!

La buona salute digestiva – di questo ci occupiamo!

In Sunsweet, il tema che ci appassiona è la salute della digestione. Perché allora non dare un’occhiata ai nostri quattro consigli per una sana digestione e ai consigli per chi viaggia.

Se invece cercate informazioni più articolate, potete scaricare GRATIS la nostra guida al vivere in salute!

Buon viaggio!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

La bella estate…

Pubblicato da Sunsweet - 08/6/2017

Per chi è la festa? Che sia un compleanno, l’inizio dell’estate o quel che volete, i weekend estivi sono perfetti per ritrovarsi e rilassarsi. C’è un semplice trucco per star certi di divertirsi tanto quanto gli ospiti quando invitate: pianificare prima.


Un menu semplice

Un piatto che faccia scena – per esempio, un pollo marinato o un filetto di salmone in crosta alle erbe – si può mettere in forno e lasciar cuocere da sé. Poi, più o meno un’ora prima che sia pronto, mettete in forno anche delle patatine novelle, intere, con la loro buccia, condite con olio, aromi – perfetto il rosmarino - e un pizzico di sale. Semplici, deliziose.

Arruolate degli aiutanti

Gli ospiti, tante volte, chiedono se possono portarvi qualcosa. Non siate timidi, rispondete “Sì, grazie!”. Date ad ogni ospite un compito o un tema – per un’insalata, per esempio, e lasciateli fare. Potrebbe essere un’insalata verde o una con pomodori o con legumi. O magari una macedonia come dolce. Se non sanno cosa o come preparare, potete sempre suggerire le nostre ricette per ispirarli!

Attivate tutti quanti

Un modo fantastico di rompere il ghiaccio, specie se ci sono anche dei bambini, è chiedere ad ogni famiglia di suggerire il loro gioco preferito da fare insieme all’aperto … Ce l’hai. Nascondino. Bolle di sapone. Palla. Il divertimento partirà all’istante. E l’appetito si farà grande per affrontare con gusto un pasto goloso e bello sano. I bambini avranno legato tra loro abbastanza per continuare a divertirsi anche dopo mangiato, mentre i grandi potranno godersi il meritato relax.

Quando arrivano le feste estive, le prugne fanno la figura dell’eroe misconosciuto. E invece proprio loro possono dare un tocco fruttato a moltissimi piatti e bevande. Per offrire fingerfood e assaggini dolci e salati, pensate alle prugne scottate avvolte nel prosciutto nella pancetta o – ancora più semplice – frutta secca come noci, nocciole e noci esotiche (nei supermercati trovate un magnifico assortimento) combinate con tenere prugne secche tagliate a pezzettoni. Ma potete usarle, le prugne, anche in marinature aromatiche o nelle salse per barbecue e grigliate: aggiungono una ricchezza di sapore che completa molte carni e pesci ed esalta spiedini di verdura e frutta. Le prugne danno un quid in più a insalate, insalatone, macedonie. E sono l’ingrediente perfetto che fa coppia con il cioccolato – qualcuno ha detto brownies? Il succo di prugne, poi, è una base fragrante per moltissimi drink, che siano mocktail o smoothie o cocktail per gli adulti o anche ghiaccioli con cui tutti vorranno rinfrescarsi con dolcezza.

La sezione “Ricette” del nostro sito è ricca di idee da seguire o da usare come ispirazione. E il nostro libretto dedicato a party e feste è pieno strapieno di spunti per rendere i vostri inviti indimenticabili e originali!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Le prugne – star che stupiscono in cucina!

Pubblicato da Sunsweet - 16/3/2017

Non c’è niente di modesto nelle prugne. Anzi, quando si tratta di far provviste di un alimento pratico, durevole, tutto naturale, le prugne meritano l’onore di un posto nella vostra lista della spesa.

Questi frutti sono sorprendentemente versatili. Le prugne … potete gustarle prendendone una manciata direttamente dalla confezione. O frullarle – da sole o con ingredienti come cacao e noci, nocciole o pinoli macinati – per farne sfiziose salsine da spalmare sui toast. O ancora, potete usarle per dare dolcezza e intensità al gusto del frullato preferito in famiglia. Sono un’aggiunta gustosa e nutriente a moltissimi altri piatti, dolci e salati.

Dolci capricci, ma più sani

Come tutti ben sappiamo, una vita senza un po’ di dolcezza è una vita, diciamo, alquanto misera! Buono a sapersi, allora, le prugne possono essere la base gustosa di una serie di bocconcini più sani. Il famoso Trail mix – alimento amato dagli sportivi e da chi cammina , che combina frutti a guscio, semi vari e frutta secca – non potrebbe essere più semplice di così. Le prugne si possono aggiungere a tutti i dolciumi preferiti in famiglia, come i biscotti, per migliorarne il valore nutrizionale. Sapevate anche che potete mettere le prugne al posto dello zucchero e dei grassi nei dolci?

Alcuni test eseguiti dal California Prune Board, in cui è stato sostituito lo zucchero raffinato con una purea di prugne in una serie di ricette, hanno dimostrato una riduzione del 35% del contenuto complessivo di zuccheri. La purea di prugne può anche funzionare come sostituto del burro. La prugna, con il suo aroma caramellato e i suoi sentori di vaniglia, è un frutto che si presta particolarmente bene a ricette a base di cioccolato. A parità di peso, usate al posto del burro una purea di prugne e gustate!

Super anche nel salato

Le prugne Sunsweet sono deliziosamente fruttate e questa caratteristica esalta molti altri sapori. Sono un classico quando completano piatti di carne; sono buonissime con il maiale e perfette con la selvaggina, per esempio. E riescono ad aggiungere consistenza, umidità, intensità e ricchezza aromatica. Insieme alla salsa teriyaki in una marinatura, il succo di prugne può trasformare delle costine in una bontà che si scioglie in bocca. E poi sono un’aggiunta utile a quel momento-cardine dei pasti in famiglia: la cena durante la settimana. Provate a pensare alla vellutata di zucca con prugne (o anche con salsiccia piccante ). O allo spezzatino con verdure di stagione e prugne profumate. Mmmhhh!

Quindi che stiate cercando uno spuntino superveloce, una piatto elaborato per le grandi occasioni o una via di mezzo, le prugne sono un punto di partenza eccellente. Ci sono infiniti modi di includere le fragranti e nutrienti prugne Sunsweet e il loro succo nella vostra alimentazione di tutti i giorni. Perché non tenerne una o due confezioni sempre sotto mano in dispensa?

Vi abbiamo ispirato? Perché ora non scatenate la vostra creatività in cucina con qualcuna delle nostre ricette?

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Primavera – c’è come un senso di festa nell’aria!

Pubblicato da Sunsweet - 02/3/2017

Non dimentichiamo di cambiare l’ora sugli orologi il 26 marzo. Quale scusa migliore per uscire dal letargo, scrollarci di dosso gli ultimissimi residui di pigrizia invernale e slanciarci in avanti con fiducia, positività e gratitudine?

Davvero c’è qualcosa di speciale nell’inizio della primavera. C’è quella sensazione che sia la stagione perfetta per rivedere le solite abitudini, fare quei piccoli aggiustamenti necessari a rimettere in pista i buoni propositi di salute e benessere, prenderci il tempo di festeggiare i risultati raggiunti.

La vita va vissuta, dopotutto. Perché è troppo breve e preziosa per fissarci a contare ogni caloria o sfinirci per aver saltato una seduta in palestra. Alla fine, se la nostra alimentazione è in generale sana, con giusto qualche occasionale e meritato capriccio, e se il nostro stile di vita è nell’insieme attivo con solo quel giorno passato sul divano ogni tanto, in realtà non stiamo troppo male. Essere capaci di godere una vita piena e vibrante – sostenuta da una dieta varia e nutriente – è qualcosa da festeggiare!

In California, dove crescono gli immensi frutteti di susine di Sunsweet, la primavera è un momento dell’anno di particolare bellezza. Ai primi di marzo, gli alberi si coprono letteralmente di profumati fiori bianchi. Una magia a vedersi! Ma tanta bellezza ha una vita tanto effimera quanto spettacolare. Dopo una settimana, più o meno, i fiori cadono piano piano a terra e i colori del frutteto virano a un verde chiaro, mentre i frutti si formano e spuntano le gemme delle foglie ancor tenere.

E ciò ci porta in modo netto a nuovi inizi … si fa fatica a credere che Sunsweet Growers Association sia stata fondata un secolo fa! Questo fa di quest’anno un anno davvero speciale per noi – celebriamo il nostro centenario! I primi coltivatori di Sunsweet avevano una passione per offrire prugne deliziose e nutrienti della più alta qualità. Noi pensiamo che sarebbero molto orgogliosi del fatto che oggi il marchio Sunsweet è apprezzato in più di 45 paesi e che il loro insegnamento - proporre ai clienti le migliori prugne possibili - continua. Ma se siete interessati a saperne di più, potete guardare l’affascinante storia di Sunsweet. Che la festa abbia inizio!

Ultima cosa, ma non meno importante – il mese di marzo ci dà modo di festeggiare le donne, tutte . L’8 marzo è la Festa della Donna e la sezione “Ricette” del sito Sunsweet è piena di idee gustose, dall’antipasto ai piatti principali, al dolce e ai capricci golosi. Speriamo che vi ispiri al momento di organizzare un po’ di festa. Buon appetito! E buona Primavera!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Fate la vostra piccola parte per la Giornata Mondiale contro il Cancro: la lotta non è finita

Pubblicato da Sunsweet - 16/2/2017

Gli esperti riconoscono che fino a un terzo dei tipi di cancro più diffusi si potrebbero prevenire in due semplicissime mosse. Potete davvero permettervi di non volerne sapere di più? Informatevi e fate la vostra parte per migliorare lo stile di vita e ridurre il rischio per voi e la vostra famiglia.

La Giornata Mondiale contro il Cancro

Decretata durante il World Summit Against Cancer (cioè il vertice mondiale contro il cancro), a Parigi, il 4 Febbraio del 2000, la Giornata Mondiale contro il Cancro è diventata a tutti gli effetti un movimento globale. E i suoi obiettivi principali sono semplici:

  • Unire la popolazione mondiale nella lotta contro il cancro.
  • Risparmiare ogni anno milioni di decessi che sarebbe possibile prevenire.
  • Aumentare, sia nei media sia nella mente delle persone, la consapevolezza riguardo al cancro.
  • Condividere conoscenze aggiornate sulla malattia, le sue cause e le mosse che è possibile fare per contribuire alla prevenzione.
  • Ispirare gli individui, le organizzazioni sanitarie e i governi nel mondo perché passino all’azione concreta.

Cancro - le statistiche

Le statistiche riguardanti il cancro sono una lettura che fa riflettere. A livello mondiale, ogni anno oltre 8 milioni di persone muoiono di questa malattia. Per una buona metà - quindi circa 4 milioni - si tratta della morte prematura di individui tra i 30 e i 69 anni di età. E il numero di casi di cancro è purtroppo previsto in crescita per gli anni a venire.

Fare ciascuno la propria parte

Eppure, nonostante le statistiche, ci sono ancora moltissime ragioni per sentirci positivi e pieni di speranza. Una ricerca pubblicata dagli organizzatori della Giornata Mondiale contro il Cancro suggerisce che fino a un terzo dei tipi di cancro più diffusi si potrebbero prevenire in due semplicissime mosse:

  1. Seguendo una dieta equilibrata e nutriente e mantenendo un peso sano.
  2. Facendo regolare attività fisica.

Il ruolo delle 5-al-giorno

Le famose linee-guida delle 5-al-giorno, cioè le porzioni suggerite di frutta e verdura, si sono basate sulle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e sono state introdotte nel 1990 allo scopo di migliorare la salute della popolazione a livello globale. Molti di noi già faticano per raggiungerle, queste 5 porzioni quotidiane. Eppure uno studio dell’University College di Londra ha scoperto che potrebbero esserci vantaggi per la salute se raddoppiassimo l’obiettivo. La dottoressa Oyinlola Oyebode, che ha firmato lo studio, afferma: “Qui il messaggio chiaro è che più frutta e verdura mangiamo, più è improbabile che moriamo a una qualsiasi età. Il mio consiglio potrebbe quindi essere: per quanta ne stiate già mangiando, mangiatene di più!”

Ora, la buona notizia è che la frutta e la verdura, che sia in scatola, fresca, surgelata o essiccata – come le Prugne Sunsweet – conta e fa numero per raggiungere le 5 porzioni al giorno. E le pagine del nostro sito sono pienissime di ricette a base di frutta e verdura per darvi golose ispirazioni!

Mantenersi attivi

Uno stile di vita attivo, con molto movimento nell’arco di tutta la giornata, è davvero importante e gli adulti dovrebbero tendere a un minimo di 150 minuti di attività fisica in una settimana media. Ma con le nostre vite pressanti, che ci impongono di rendere conto di ogni momento della settimana, a volte questo è più facile a dirsi che a farsi. Tuttavia, con un briciolo di pianificazione, non deve essere impossibile. .

Al posto di “Troviamoci per un caffè e una fetta di torta” con un amico o un’amica, potremmo invece dire “Facciamoci una passeggiata e intanto parliamo”una volta alla settimana.

Prendiamo confidenza con i piatti unici: mentre questi sono in forno, possiamo uscire e fare due passi fuori casa, un po’ di giardinaggio o una corsetta. O magari tutte e tre le cose!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Riusciranno i nostri eroi a evitare i malanni di stagione?

Pubblicato da Sunsweet - 19/1/2017

Sarebbe molto bello se quest'anno tu e la tua famiglia riusciste a evitare i raffreddori e tutti i fastidiosi malanni dell'inverno. Noi non abbiamo soluzioni certe, ma possiamo darti qualche buon consiglio: scegli un'alimentazione sana e nutriente, fa' esercizio fisico (meglio se all'aria aperta), concediti un po' di riposo e cerca di rilassarti. È un ottimo inizio per combattere e vincere!

In questo periodo dell'anno è facile farsi tentare da un ipotetico cambio di stile di vita. Fare buoni propositi rivoluzionari per il nuovo anno è divertente, ma poi realizzarli si rivela sempre più complicato del previsto. Quindi, per non cominciare l'anno sentendo che ci si sta lasciando andare, meglio concentrarsi su una serie di buone intenzioni riguardo alla dieta, l'esercizio fisico e il benessere emotivo.

Cibi nutrienti e fatti in casa: la benzina del tuo motore.

Abbiamo sempre un sacco di cose da fare. E alla fine di una lunga giornata, nonostante ogni buona intenzione, può essere difficile trovare la motivazione per fare anche lo sforzo di mangiare bene. È più facile prendere qualcosa di pronto e pratico (ma poco nutriente) e ritrovarsi poi con ancora meno energia di prima. Ma basta solo un minimo di organizazione: scegli di investire un po' del tuo tempo in cucina; puoi preparare cose sane, come zuppe o stufati, e poi congelarle. Così quando arrivi a casa troverai un piatto pronto, ma sano e nutriente. E se proprio vuoi esagerare, puoi mettere la tua cena nel forno e uscire a camminare intanto che cuoce!

Snack sì, ma con saggezza

Mangiare fuori pasto fa parte delle nostre abitudini alimentari, ma attenzione, gli snack non sono tutti uguali! Perciò, quando hai voglia di mangiucchiare qualcosa, ricorda che non c'è niente di più pratico e veloce di una manciata di prugne. Che tra l'altro sono una grande fonte di vitamina B6, la super alleata del sistema immunitario.

Uscire all'aria aperta

Anche se fuori c'è un tempo da lupi, fare esercizio all'aria aperta è sempre bellissimo. C'è qualcosa nell'uscire a camminare in un giorno freddo che davvero aiuta a sollevare lo spirito. E questo ha una base scientifica: la combinazione tra l'aria fresca e l'aumento del livello di ossigeno che deriva dall'esercizio aiuta a rilasciare serotonina, l'elemento chimico del benessere.

Imparare a rilassarsi

Lo stress non è solo nocivo per la mente: lo è anche per il corpo. E di questi tempi, essere stressati sembra quasi una condizione inevitabile. Vale quindi la pena avere sotto mano alcune tecniche efficaci da usare quando la pressione aumenta. Sarà un caso, ma il legame tra innalzamento dello stress e abbassamento del sistema immunitario sembra evidente.

Quindi pratica la mindfulness, vai a camminare con un amico, fatti un bel bagno caldo, prepara una cenetta deliziosa per te e per chi ami... insomma fa' tutto quello che ti fa stare bene.

E quest'anno scegli di vivere un inverno sano, felice e attivo: sarà molto piacevole.

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Il fascino gustoso delle fibre

Pubblicato da Sunsweet - 15/9/2016

Cosa sono esattamente le fibre? Perché il corpo – ogni corpo – ne ha bisogno? E se non ne consumiamo abbastanza, cosa succede al nostro organismo? Come possiamo essere sicuri di continuare ad assumerne a sufficienza? Leggete qui per scoprire tutto ciò che tutta la famiglia dovrebbe sapere sulle fibre nell’alimentazione.

Il fascino sano delle fibre

OK. Magari tra gli argomenti sulla salute, le fibre – e il loro ruolo e contributo al buon funzionamento del dell’organismo – non hanno tanto glamour. Eppure le fibre sono qualcosa di importante quando si parla di salute. Mentre la pressione sul nostro tempo sembra aumentare all’infinito e proliferano pasti veloci ma poveri di nutrienti, molti di noi in pratica non assumono fibre a sufficienza dal cibo che consumano regolarmente.

Sì, ma le fibre cosa sono?

In sintesi, le fibre sono le piccole parti di alimenti come cereali, ortaggi e frutti che non possono essere digerite nell’intestino tenue. Anzi, le fibre passano oltre nell’apparato digerente prima di essere scomposte dall’azione batterica nel colon. Aumentare le fibre bella propria alimentazione – nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata – può servire ad ammorbidire le feci, facilitandone il transito e aiutandovi a mantenere in movimento i complessi ingranaggi dell’apparato digerente!

Se volete capire in maggiore dettaglio come funziona la digestione, allora potrà interessarvi il nostro rapido giro dell’apparato digerente

A quando pare, inoltre, le fibre hanno anche un altro ruolo, di ancor più cruciale importanza. Il WCRF - Fondo Mondiale per La Ricerca sul Cancro - ha riconosciuto che le fibre nell’alimentazione hanno un ruolo protettivo contro i tumori intestinali – e ricordiamo che l’AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul cancro, riporta che in Italia il tumore del colon retto è il terzo più riscontrato dopo i tumori della cute e della mammella .

Tipi di fibre

Le fibre si dividono tipicamente in due gruppi:

  1. Fibre insolubili:

    questo gruppo comprende le bucce dei frutti, i gambi e le foglie delle verdure e i rivestimenti e i gusci dei semi. Le fibre insolubili vengono scomposte più lentamente dal processo digestivo e la loro massa facilita l’evacuazione delle feci.

  2. Fibre solubili:

    fermentano in modo più complete nel colon, trattengono i liquidi, ammorbidendo le feci e rendendone più agevole il passaggio.

Molte parti dei vegetali contengono sia fibre solubili che insolubili. Per esempio, le bucce delle prugne sono composte di fibre insolubili, mentre la polpa e il succo sono composti di fibre solubili.

Stitichezza - che fare?

Se avete questo problema, è importantissimo cercare di assumere almeno 5 porzioni di frutta o verdure al giorno. Frutta secca ricca di fibre e succhi di frutta naturali, non dolcificati, valgono entrambi per questo conteggio. Già 3 prugne al giorno fanno una delle 5 porzioni!

Meglio evitare i cibi altamente elaborati in quanto tendono ad avere in maggior quantità grassi, sale e zucchero a fronte di uno scarso contenuto in fibre. Provate ad abituarvi a cucinarvi il cibo che mangiate. La sezione ricette del nostro sito è una fonte dove prendere ispirazioni. Sane ispirazioni.

Il ruolo dei liquidi

Per aiutare le cose a muoversi, dal punto di vista digestivo, s’intende – è importante accertarsi di bere molto. Se vi state sforzando attivamente di aumentare l’assunzione di fibre nella vostra dieta, accertatevi di aumentare in proporzione anche la quantità di liquidi. L’organismo è superefficiente nell’estrarre liquidi dal colon quando è necessario per le funzioni fisiche. E anche una lieve disidratazione può portare alla formazione di feci dure, dal transito difficoltoso. Un’utile regola generale sono sei-otto bicchieri al giorno; bere acqua o di succo di frutta diluito è una buona scelta.

Se però, intorno al ruolo delle fibre nell’alimentazione, volete scoprirne di più- specie se soffrite di sindrome dell’intestino irritabile con stitichezza, date un’occhiata alla nostra guida , ricca di idee e consigli messi a punto dagli esperti:


Fonte: 
http://www.airc.it/cancro/cos-e/statistiche-tumori-italia/

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Yoga: molti motivi per amarlo!

Pubblicato da Sunsweet - 02/6/2016

Uomini o donne, bambini o pensionati, amanti dell’attività intensa o di un esercizio più rilassante – anche spirituale – c’è di sicuro un tipo di yoga che fa per voi. Tranquilli: mentre la super-agilità o i pantaloni hippy potete non averli, non sono un optional i vantaggi per la salute che ricaverete. Che sia per digerire meglio o alleviare problemi cronici … sono molti i motivi per amare lo yoga!

Giornata Mondiale dello Yoga

La prima Giornata Mondiale dello Yoga dell’ONU ha avuto luogo nel 2015, come riconoscimento per:

  • I benefici olistici della pratica e la sua compatibilità con i principi e i valori ONU
  • L’importanza cruciale per noi tutti di scegliere stili di vita sani e di sviluppare abitudini che supportino il nostro benessere sia fisico che mentale

Alla luce di tutto questo, pensate che l’evento – che quest’anno cade il 19 giugno – possa ispirarvi a fare yoga?

Storia

L’idea di una Giornata Mondiale dello Yoga fu discussa per la prima volta dalle Nazioni Unite a seguito di una proposta, molto convincente del primo ministro indiano Narendra Modi. Nella sua proposta, Modi dichiarava che “Lo Yoga è un dono inestimabile delle nostra antica tradizione. Concretizza l’unione di mente e corpo, pensiero e azione … un approccio olistico prezioso per la nostra salute e il nostro benessere. E non è soltanto esercizio; è un modo per scoprire il senso dell’essere tutt’uno tra noi stessi, il mondo e la natura.

I benefici dello yoga sulla salute

L’OMS ha chiamato gli Stati membri ad intraprendere azioni per risolvere la crescente inattività dei loro cittadini – una tendenza non sana che costituisce un fattore-chiave di rischio rispetto a malattie come cancro, diabete e patologie cardiovascolari.

Secondo la Clinica Mayo - un’organizzazione non-profit impegnata nella pratica, nella formazione e nella ricerca medica – i potenziali vantaggi dello yoga per la salute comprendono:

  • Riduzione dello stress, miglior qualità del sonno notturno, miglioramenti dell’umore e un aumentato senso di benessere
  • Maggiore forma fisica, equilibrio, flessibilità e forza
  • Gestione di condizioni croniche come cardiopatie e pressione alta

Qualcosa per ciascuno

L‘età non conta e nemmeno l’abilità. Esiste di sicuro un tipo di yoga che fa per voi! Dai bambini attivi che hanno bisogno di un’opportunità di rallentare il ritmo dopo aver fatto acrobazie tra scuola, compiti e doposcuola, alle persone anziane e a quelle che si muovono meno e che potrebbero anche apprezzare i benefici su mente, corpo e spirito di un esercizio moderato, da poltrona.

Questi i tipi di yoga più diffusi:

  • Hatha yoga: una base per tutti gli stili di yoga. Può essere una buona scelta se cercate di migliorare la vostra agilità. Il controllo della respirazione che lo caratterizza può aiutarvi a migliorare l’ossigenazione del corpo e alleviarvi lo stress.
  • Iyengar yoga: con utilizzo di attrezzi come cinture, blocchi di legno e rulli – che vi assistono per un corretto allineamento. Prevede un esercizio moderato e può funzionare bene anche per chi ha subito una ferita o è portatore di una condizione cronica.
  • Ashtanga yoga: può offrire una nuova sfida per chi ha già un discreto livello di agilità e forma fisica.
  • Bikram Toya: è il preferito di chiunque ama faticare e sudare! Le posizioni vengono eseguite in un ambiente riscaldato per facilitare il rilascio di tossine. Si tratta di uno stile fatto per offrire un’esperienza di yoga impegnativa, rinvigorente, rigenerante.

Qualsiasi tipo di yoga sceglierete, può valere la pena di iniziare con una lezione a tu per tu con un insegnante esperto, che vi aiuti a valutare i vostri specifici bisogni e vi avvii alla pratica nel miglior modo possibile.

Trovatevi un corso vicino, iscrivetevi per un ciclo di lezioni e godetevi la sensazione di leggerezza, scioltezza e rilassamento che certamente ne seguirà. Felicità!

PS Se vi sentite invogliati a fare movimento e a vivere sani, ecco un’ottima ragione per scaricare la nostra guida gratis!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Dalla Presidente di Firmo, Maria Luisa Brandi…

Pubblicato da Sunsweet - 05/5/2016

Oltre a essere un alimento molto amato e di facile assunzione, le prugne possono avere un ruolo per aiutare le ossa? In questo affascinante articolo, la professoressa Maria Luisa Brandi, presidente dell’associazione FIRMO – Raffaella Beccagli Onlus, ente non profit che ha come obiettivo la prevenzione e la cura dello scheletro, spiega perché alcuni nutrienti contenuti nelle prugne possono essere utili alla salute delle ossa.

Le prugne, benessere per le ossa!

Perché le prugne fanno bene alle ossa? Forse questa è la prima domanda che porranno i pazienti quando questo frutto delizioso verrà proposto come alimento utile alla salute ossea. E se è pur vero che da anni raccomandiamo la frutta secca come fonte di minerali fondamentali per lo scheletro, l'idea che le prugne secche possano aiutare a mantenere ossa sane non è così immediata. Per nobilitare quindi una raccomandazione che altrimenti rischierebbe di cadere nel vuoto, è utile divulgare i dati a supporto accumulati dalla ricerca scientifica.

22 milioni di donne e quasi 6 milioni di uomini in età tra i 50 e gli 84 anni sono affetti da osteoporosi nella Unione Europea.

Partiamo da un dato fondamentale: l'osteoporosi e le conseguenti fratture da fragilità sono un problema serio e i numeri parlano chiaro. 22 milioni di donne e quasi 6 milioni di uomini in età tra i 50 e gli 84 anni sono affetti da osteoporosi nella Unione Europea. Nel 2010 nel nostro Paese si sono verificate 465.000 nuove fratture da fragilità, con costi annuali diretti di quasi 2 miliardi di euro e di oltre 10 miliardi di euro se si calcolano anche le spese indirette.

La parola d'ordine è "prevenire", ma stiamo investendo in prevenzione solo il 2% di quanto spendiamo. Troppo poco! Come prevenire? Limitando i rischi. Ma quali sono i rischi reali di osteoporosi?

La più nota delle cause di osteoporosi è la menopausa, per la perdita della secrezione estrogenica ovarica. Ma anche lo stile di vita è fondamentale e questo include nutrizione e movimento. Sia donne che uomini dovrebbero infatti introdurre un grammo di calcio al giorno con la dieta e praticare attività fisica regolarmente e questo vale per entrambi i sessi.

Grande attenzione viene oggi data a studi di nutraceutica, la scienza che propone l'uso di alimenti naturali o parzialmente modificati per ottenere un risultato terapeutico. Questa disciplina si basa sull'assunto di cibi che contengono sostanze in grado di agire su meccanismi che regolano lo sviluppo di patologie croniche, quali malattie cardiovascolari, sarcopenia, tumori, malattie degenerative del tessuto nervoso e osteoporosi.

Il California Prune Board, con il supporto di Susweet growers inc., ha investito per primo sul valore nutrizionale delle prugne secche della California, con uno specifico interesse sul ruolo che questo frutto può svolgere nel mantenimento della salute dell'osso. Dalle ricerche si evince che le prugne secche contengono nutrienti sufficienti a renderle un importante attore nel regolare il metabolismo osseo e la resistenza dello scheletro.

Seppur limitati in numero, gli studi condotti ad oggi confermano un ruolo delle prugne nel mantenere le ossa in salute. Queste evidenze sono importanti, perché sono alla base di ogni sviluppo, anche di tipo farmacologico, di molecole utili a prevenire le fratture da fragilità.

Esistono anche studi condotti in donne dopo la menopausa, che seppur limitati per numero di osservazioni, dimostrano come una dieta arricchita di 100 grammi di prugne secche (10-12 prugne secche della California) al giorno sia in grado di ridurre significativamente, rispetto ai valori basali e a quelli di donne che assumono mele secche, prima i marcatori di metabolismo osseo, quali la fosfatasi alcalina ossea e l'osteocalcina e successivamente gli inibitori della formazione ossea, quali la sclerostina. Questo effetto bifasico è senz'altro utile al metabolismo osseo. In questi studi è stata inoltre evidenziata una riduzione della risposta infiammatoria nel gruppo di pazienti che assumeva prugne secche.

Oltre a questo effetto metabolico, le prugne sembrano inoltre in grado di aumentare la massa ossea con un incremento significativo della densità minerale ossea a livello della colonna vertebrale e dell'avambraccio. Anche una dose di 50 grammi al giorno di prugne secche (circa 4-5 prugne secche della California si è dimostrata efficace nel promuovere fenotipi ossei positivi, quali l’aumento dei marcatori di formazione ossea e riduzione dei marcatori di riassorbimento osseo, con conseguente metabolismo del tessuto osseo.

Questi risultati aprono a una domanda fondamentale: può essere formulata una domanda all’Agenzia competente per riconoscere un effetto meccanicistico dei componenti delle prugne secche nel migliorare le caratteristiche metaboliche del tessuto osseo? A questa domanda si deve rispondere tentando di comprendere le basi molecolari dell'azione trofica delle prugne secche sul metabolismo osseo.

Le prugne sono ricche in elementi chiave nel metabolismo osseo. Tra questi citiamo i polifenoli, molecole antiossidanti naturali in grado di mimare gli effetti degli estrogeni sul metabolismo osseo e sull'infiammazione. E che i polifenoli delle prugne abbiano un effetto positivo nel ridurre il riassorbimento osseo è stato dimostrato in vitro in cellule in coltura.

Ma le prugne sono ricche anche di micronutrienti indispensabili a mantenere un buon metabolismo osseo: tra questi il potassio (732 milligrammi in 100 grammi), il magnesio (41 milligrammi in 100 grammi), il boro (2,2 milligrammi per 100 grammi) e la vitamina K (60 microgrammi in 100 grammi). Le prugne contengono inoltre fibre in grado di promuovere l'assorbimento del calcio presente nella dieta. Queste ultime potrebbero facilmente essere assimilate, proprio per la funzione facilitatrice dell'assorbimento del calcio, a veri e propri prebiotici naturali. Per il boro è noto un effetto di riduzione della escrezione urinaria di calcio e magnesio. Anche il contenuto in vitamina K va meglio caratterizzato, perché questo nutriente è correlato al controllo della deposizione dei minerali, facilitando quella nell'osso e inibendo quella sui vasi.

Anche se ulteriori ricerche saranno necessarie per meglio quantificare e qualificare l'azione delle prugne secche sulla salute dello scheletro, i dati sono ad oggi accumulati ci permettono di concludere che 50/100 grammi di prugne secche al giorno svolgono un ruolo positivo nel mantenere la salute dell'osso, oltre ad esplicare numerose altre funzioni su organi e sistemi.

Cosa consigliare a chi, volendo usare una via naturale, desidera o mantenere o migliorare la salute delle proprie ossa? L'aggiunta nella dieta di prugne secche, come le Sunsweet, presenti da oltre 50 anni sul mercato italiano e apprezzate dai consumatori, è un mezzo facile per impostare un piano di prevenzione delle fratture da fragilità. L’importante è anche sottolineare come le prugne possono essere facilmente assunte, come ogni altro tipo di frutta, a qualsiasi età e sono efficaci sia a 8 che a 80 anni, anche sulla motilità intestinale!

Prof.ssa Maria Luisa Brandi Presidente F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli Onlus


 

Riferimenti Bibliografici:

Bahram H. Arjmandi et al. – Journal of Women’s Healt and Gender-Based Medicine : 11:61, 2002 

Hooshmand S. et al. – British Journal of Nutrition : 106:923, 2011 Hooshmand S. et al. – British Journal of Nutrition : 112:55, 2014

Rendime E. et al. – PLOS One : 8:e60, 2013

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.