ECCO LE NOTIZIE

PIU’ FRESCHE
Sunsweet is an agricultural cooperative

Sunsweet Prunes

Blog

Noi pubblichiamo regolarmente nel nostro blog notizie aggiornate sul benessere, ricette ed altro.

Siate amici della tecnologia

Pubblicato da Sunsweet - 10/10/2016

Negli ultimi dieci anni il nostro utilizzo di internet è aumentato esponenzialmente. La rete è stata incolpata di molti problemi, tra cui le nostre vite sempre più sedentarie. Eppure è una parte importante del nostro quotidiano, nonostante i titoli di tono negativo e allarmante apparsi sui media. Ma può in realtà, la tecnologia, servirci per costruire vite sane, felici ed equilibrate?

Nonostante sia una parte enorme della vita di oggi, il mondo online spesso gode di una cattiva fama. Se si crede a quanto si legge sulla stampa, abbiamo sostituito la dipendenza da divano con la dipendenza da mouse – entrambe sedentarie e poco sane – e passiamo ogni attimo libero navigando in rete. I social media – in tutte le loro forme (– sono stati incolpati della bassa percezione del proprio corpo e della scarsa autostima che tocca ogni tipo di gruppo demografico presente. Dietro la paura sembra esserci, in effetti, un briciolo di verità.

Secondo l’Ofcom, l’organo regolatore per le comunicazioni del Regno Unito – che corrisponde alla nostra analoga Autorità Garante – nella sola Inghilterra le persone ora trascorrono online il doppio del tempo rispetto a dieci anni fa e si potrebbe dare per certo che accada qualcosa di simile in tutta Europa. Molto di quel tempo, certamente, lo si trascorre senza muoversi. Le statistiche pubblicate dalla rivista medica The Lancet suggeriscono che l’attività fisica inadeguata è responsabile di oltre 5 milioni di morti ogni anno – fatti che fanno riflettere.

Ma davvero con la tecnologia tutto il male vien per nuocere?

Al suo meglio, internet offre una grande varietà di fonti di materiale educativo aggiornato scritto in modo piacevole e accessibile. Molto di questo materiale è del tutto gratuito. Il nostro blog, ovviamente, ne è un ottimo esempio! Che preferiate app o siti, social media o newsletter online, in rete ci sono moltissimi contenuti fatti per aiutarvi nella vostra conquista di uno stile di vita più sano. Date un’occhiata ai nostri 3 super-consigli tech, siate selettivi e informatevi.

  1. Newsletter – Scegliete fonti affidabili

    Iscrivetevi a un paio di newsletter di lifestyle. Sceglietele da fonti fidate, su argomenti che vi interessino – il sovraccarico di informazioni non è il nostro obiettivo, qui – e prendete ispirazioni per tutto, dalle ricette per cene sane e veloci durante la settimana a consigli su come mantenervi attivi, in qualsiasi momento dell’anno.

  2. Video online per fare esercizio

    Visto che le giornate si accorciano e le temperature scendono, la motivazione può venir meno. Ma non bisogna lasciar cadere le buone abitudini di attività fisica. È meglio mantenere un programma di esercizi valido per tutto l’anno, così che diventi un altro rituale quotidiano, qualcosa di automatico come lavarsi i denti. C’è anche un altro ambito in cui la tecnologia può esservi alleata. Qualsiasi forma di attività fisica facciate – dalla boxe dolce allo yoga duro – potete star sicuri di trovare un programma online che va nella vostra stessa direzione. Mettete allora in forno un piatto unico – ricordandovi di rimanere su ricette sane e, intanto che cuoce, fate partire il vostro video di esercizi e muovetevi.

  3. Monitorare i progressi della vostra forma fisica

    Che si tratti di monitorare con sofisticati diari alimentari le calorie ingerite giorno dopo giorno, o piuttosto, che si tratti di tracciare i livelli dell’attività fisica svolta, di imparare tecniche di rilassamento come la mindfulness o di tenere d’occhio il vostro ciclo, c’è sempre un’app che lo fa per voi! Parlando su Fox News, Scott Snyder – un innovatore del settore – ha dichiarato: “Lo scopo ultimo di queste app è quello di cambiare i comportamenti. I piccoli cambiamenti sono una grande vittoria complessiva per la salute.” Siamo d’accordissimo!

Come per quasi ogni cosa, un buon equilibrio è di importanza cruciale. Usate tutto con moderazione - tecnologia inclusa – e non sbaglierete!

Siete in cerca di altre ispirazioni? Beh, perché non date un’occhiata alla nostra Guida per uno stile di vita più sano?

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

3 ragioni nutrizionali top per amare le prugne anche in questa stagione

Pubblicato da Sunsweet - 01/9/2016

Si può anche capire che siate riluttanti a dire addio all’estate. Però, a qualsiasi età, l’autunno è ideale per entrare nello spirito di “si torna a scuola”! Settembre è il momento dell’anno perfetto per tornare alle cose semplici, dal punto di vista della salute e della forza fisica. E guarda caso, le prugne sono un inizio perfetto!

Understandably, you may be reluctant to kiss goodbye to the summer. But, no matter what your life stage, the autumn is an excellent opportunity to embrace that back-to-school feeling! September is the perfect time of the year to get back to basics, from a health and fitness point-of-view. And, guess what, prunes are a great place to start!

Le 3 ragioni top per amare le prugne in questa stagione

  1. ) Potete dare al vostro sistema immunitario l’occasione di combattere e tenere alla larga tutti quei fastidiosi malanni autunnali … con le prugne! Questo frutto, essiccato, è una ricca fonte di vitamina B6 e rame ed entrambi sono in grado di sostenere un sistema immunitario sano.
  2. La valigia delle vacanze è in cima all’armadio per un altr’anno, le notti si fanno più lunghe, più buie e più fredde e non è insolito – o sorprendente – che i vostri livelli di motivazioni ed energia tendano verso il basso. Sapevate che le prugne possono essere utili? la vitamina B6 - che abbiamo menzionato sopra - può aiutarvi a sentirvi meno stanchi e supporta anche la trasformazione in energia dei cibi e il trasporto del ferro nell’organismo. Rame e manganese - che troviamo entrambi nelle prugne secche – aiutano anch’essi alcune di queste funzioni.
  3. Le prugne danno dei bei vantaggi alla salute del cuore. Sono per natura prive di grassi saturi, e ridurre i grassi saturi vi aiuta a mantenere livelli normali di colesterolo nel sangue. Sono, sempre per natura, prive anche di sale, e ridurre l’assunzione di sale aiuta a mantenere la pressione sanguigna nella norma.

Ce n’è di motivi per amare prugne secche!

Volete scoprirne di più? Date un’occhiata alla guida online sulle proprietà salutari delle prugne o scorrete le nostre FAQ, con le nostre risposte alle domande più frequenti.

Una nota un po’ più seria ...

Sono state avviate ricerche scientifiche sul ruolo delle prugne secche nella potenziale prevenzione di alcune malattie gravi. Uno studio recente ha scoperto che mangiare prugne regolarmente può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare tumori intestinali.

La professoressa Nancy Turner della Texas A&M University ha affermato: “Tramite la nostra ricerca, siamo in grado di dimostrare che le prugne essiccate promuovono il mantenimento di batteri benefici in tutto il colon, e con ciò essi potrebbero ridurre il rischio di cancro al colon”.

Stando all’AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro), il tumore del colon retto è il terzo più riscontrato in Italia dopo i tumori della cute e della mammella

Quella sensazione di “si torna a scuola”

Ogni giorno, la merendina alla ricreazione e la merenda del pomeriggio, per i bambini – e pure per gli adulti - sono sempre una sfida. Ma non sottovalutate il potenziale delle prugne per uno spuntino. Senza zuccheri aggiunti, sono dolci di natura. E, diciamolo, quale bambino non è sempre a caccia di qualcosa di dolce un secondo dopo essere entrato in casa? Negoziare quando giocare e quando fare il proprio dovere, dopotutto è un lavoro che fa venir fame!

E quindi, gustate così come escono dalla confezione, aggiunte alle torte preferite della casa o frullate in uno smoothie, le prugne sono perfette nella lunchbox o per una sana merenda doposcuola.

Potete trovare deliziose idee per frullati e smoothie qui

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Passi concreti per mantenere un peso sano

Pubblicato da Sunsweet - 18/8/2016

A dar retta ai titoli dei media, l’obesità ha ormai raggiunto proporzioni epidemiche. I nostri bambini sono più che mai sovrappeso. E la salute degli adulti paga l’effetto negativo dell’allargarsi del giro-vita, che sfocia in una maggiore propensione al rischio di cancro, malattie cardiologiche, diabete. Ce n’è abbastanza per allungare le mani su una tavoletta di cioccolato. Anzi, no: fermatevi! Non è mai troppo tardi per fare qualcosa di positivo per gestire il vostro peso.

Quando si mangia per confortarsi

Gli stretti legami esistenti tra stress, tendenza a confortarsi con cibi ricchi di grassi e stracarichi di zucchero e conseguente aumento di peso non possono essere ignorati. Stando a uno studio dell’American Psychological Association, un quarto degli americani valuta il proprio livello di stress – in una scala da 1 a 10 – con un punteggio di 8+. Di certo lo stress sembra avere un impatto avverso sulle nostre preferenze alimentari. Quando la vita si fa dura, cerchiamo cibo spazzatura! E poi, quando siamo stressati, dormiamo meno, ci muoviamo meno e beviamo più alcolici. Nessuno di questi comportamenti fa bene al nostro giro-vita.

Alcuni ricercatori della Harvard University ci propongono un trio di consigli di buon senso per contrastare lo stress:

  • Meditazione: questa pratica potrà rendervi più consapevoli del vostro umore e più capaci di compiere scelte alimentari sane.
  • Movimento: attività come yoga e tai chi uniscono movimento e meditazione – una combinazione vincente su entrambi i fronti!
  • Supporto sociale: qualcuno che vi presta orecchio, quando avete bisogno di sfogo - insomma qualcuno nella vostra rete di contatti che vi sia di supporto. Scegliete quella persona con saggezza. Potrebbe essere un amico, un familiare o un collega. Anche questo potrebbe aiutarvi ad alleviare i sintomi dello stress.

Allontanare la tentazione

Una mossa importante quando si tratta di gestire il proprio peso è – tutte le volte che sia possibile – allontanare la tentazione. Avere troppo sotto mano i propri cibi di conforto preferiti equivale al cercarsi dei problemi. Perciò: fate provvista di frutta fresca e di verdura. Sostituite biscotti e patatine con frutta secca e frutti a guscio. Al posto delle bibite gassate prendete succhi senza zuccheri aggiunti. Sono pochi, piccoli cambiamenti capaci di fare un’enorme differenza.

Le prugne: come possono servire per perdere peso?

Le prugne sono dolci, gustose e versatili – sia mangiate così come sono, sia aggiunte come un tocco fruttato a una ricetta che amate. Ma forse vi stupirete nel leggere che secondo una ricerca dell’Università di Liverpool, mangiare prugne secche può essere un aiuto concreto per accelerare la perdita di peso.

Lo studio di questa università, svolto su 100 persone, ha testato se in un periodo di 3 mesi, mangiare questo frutto - nell’ambito di una dieta dimagrante – aiutasse o intralciasse il controllo del peso. I risultati sono stati interessanti, dal momento che si è scoperto che coloro che mangiavano prugne hanno avuto un calo di peso maggiore rispetto al gruppo di controllo nelle ultime quattro settimane dello studio e che dopo l’ottava settimana si sentivano anche più sazi. Si sentivano più pieni. Jo Harrold, il medico che ha condotto la ricerca, ha dichiarato: "Le prugne secche possono fare bene a chi è a dieta perché combattono la fame e soddisfano l’appetito; una grande sfida quando si tenta di mantenere il peso che si è riusciti a raggiungere perdendo chili."

Tenetevi pronti!

Con una fruttiera sempre piena, un bell’assortimento di frutta secca e succhi naturali sotto mano, un snack sano non è mai troppo distante. I frullati sono dolci e appaganti e si possono preparare in pochi secondi. E cosa c’è di più comodo di una manciata di prugne – gustate così, anche da sole. Potete anche dare un’occhiata alle nostre ricette per trovare tantissime sane ispirazioni!

PS: lo sapevate che le prugne possono essere inserite in numerose diete speciali? Per esempio per intolleranti al glutine, diabetici, vegani o vegetariani … Scoprite di più sui benefici delle prugne per la salute anche leggendo le risposte di Sunsweet alle domande più frequenti

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Il barbecue da veri esperti – trucchi, spunti e una ricetta

Pubblicato da Sunsweet - 21/7/2016

Estate, il momento perfetto per ritrovarvi con amici e famiglia, rilassati e in compagnia, contenti di mangiare insieme. E cosa c’è di più gustoso di una bella grigliata all‘aperto? Leggete i nostri trucchi e spunti per un barbecue sano e divertente.

Re delle Grigliate!

Cos’è che in questo periodo dell’anno fa sì che molti signori uomini si sentano ciascuno il Re delle Grigliate? Forse un ritorno ai tempi preistorici dei cacciatori-raccoglitori? O forse il rituale di accendere il fuoco, il brivido sottile del potenziale pericolo? La gioia di trovarsi all’aperto? Ridere e scherzare con i loro simili? Il gusto delle prodezze culinarie fuori dai confini della cucina ... e dall’obbligo di ripulire?

Probabile che la questione resti senza risposta. Ma, chiunque finisca per cucinare, per il barbecue c’è ben più di hamburger già pronti e salsicce sfrigolanti. Quest’anno perché non strappare un WOW di meraviglia a tutti quanti con grigliate gustose, nutrienti e facili da fare?

Sì, ma in tutta salute

Barbecue e grigliate, la migliore combinazione di due piaceri della vita: godersi la vita all’aperto e mangiare buon cibo con la famiglia e con gli amici. Tanto più che, con un minimo di pianificazione, se volete, scelte sane di alimentazione e stile di vita non vengono meno davanti al barbecue acceso.

Vi basta scegliere:

  • Tagli di carne più magri – pollo, bistecca, cotoletta.
  • Pesce – salmone, rana pescatrice, gamberoni, tonno, anche un pesce di per sé non magro come lo sgombro.
  • Spiedini vegetali coloratissimi – peperoni, cipolle bianche e rosse, funghi, zucchini, pomodorini, tofu.
  • Patate al forno – senza esagerare col burro! – che saziano e hanno pochi grassi.

Lasciate perdere i panini e servite piuttosto un assortimento appetitoso di insalate varie. Anche aggiungendo frutta fresca e secca, noci, mandorle o semi, che sono un modo bellissimo per giocare con le consistenze e un gusto croccante. E per condire, scegliete chutney di frutta e condimenti leggeri invece che buttarvi su maionese e salse agrodolci, che sono ipercaloriche.

Questa Salsa Piccante alle Prugne, facilissima da fare, accompagna alla perfezione grigliate di carne, pesce, verdure.

Ingredienti

Tempo occorrente: 30 min circa


Ingredienti per circa 625 ml:
150g prugne Sunsweet 
1 cipolla a dadini
aglio, 2 spicchi tritati
olio, 1 cucchiaio 
concetrato di pomodoro, 1 cucchiaio
500 ml Ketchup
whisky, 3 cucchiai 
salsa Worcester, 5 cucchiai
aceto di mele, 2 cucchiai
zucchero di canna, 3 cucchiai 
1 pizzico si sale
½ - cucchiaino di chili in polvere
1 cucchiaino di paprika in polvere
pepe nero

Preparazione

  1. Tagliare le prugne a pezzettini. Scaldare l’olio in una padella e soffriggere la cipolla a fuoco medio finché diventa trasparente.
  2. Aggiungere l’aglio, le prugne e il concentrato di pomodoro e fate saltare. Unire Ketchup, whisky, salsa Worcester e aceto di mele. Mescolando, aggiungere anche zucchero, sale, chili, paprika e pepe.
  3. Portare la salsa a bollore e lasciar sobbollire per 15 minuti, mescolando ogni tanto. Versare in vasetti puliti e sigillare una volta freddi. Si conserva per 4 settimane.

*Trucchi Sunsweet: Sapevate che con il succo di prugne potete rendere la carne più tenera? Grazie al suo aroma fruttato, si sposa bene sia col pollame sia con le carni rosse. Mettete a bagno in acqua gli stecchi di legno per gli spiedini prima di usarli, per evitare che si brucino sulla griglia.

Cercate idee per fingerfood e dessert? Date un’occhiata alle 16 pagine del nostro ricettario .

Alla larga i mal di pancia

I barbecue migliori si ricordano per le giuste ragioni, perciò non lasciate che il divertimento e la frivolezza vi facciano dimenticare la sicurezza alimentare: studi scientifici hanno rilevato che durante i mesi estivi raddoppiano i casi di avvelenamento da cibo. Tra le cause principali di questo ci sono la carne poco cotta e la contaminazione batterica tra i diversi cibi. Aiuto! Perciò, quest’anno, per favore, documentatevi su fonti che parlano di cibo sicuro – come dove trovate consigli e trucchi per fare tutto in modo sano.

Divertitevi, mangiate con gusto e state bene!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Yoga: molti motivi per amarlo!

Pubblicato da Sunsweet - 02/6/2016

Uomini o donne, bambini o pensionati, amanti dell’attività intensa o di un esercizio più rilassante – anche spirituale – c’è di sicuro un tipo di yoga che fa per voi. Tranquilli: mentre la super-agilità o i pantaloni hippy potete non averli, non sono un optional i vantaggi per la salute che ricaverete. Che sia per digerire meglio o alleviare problemi cronici … sono molti i motivi per amare lo yoga!

Giornata Mondiale dello Yoga

La prima Giornata Mondiale dello Yoga dell’ONU ha avuto luogo nel 2015, come riconoscimento per:

  • I benefici olistici della pratica e la sua compatibilità con i principi e i valori ONU
  • L’importanza cruciale per noi tutti di scegliere stili di vita sani e di sviluppare abitudini che supportino il nostro benessere sia fisico che mentale

Alla luce di tutto questo, pensate che l’evento – che quest’anno cade il 19 giugno – possa ispirarvi a fare yoga?

Storia

L’idea di una Giornata Mondiale dello Yoga fu discussa per la prima volta dalle Nazioni Unite a seguito di una proposta, molto convincente del primo ministro indiano Narendra Modi. Nella sua proposta, Modi dichiarava che “Lo Yoga è un dono inestimabile delle nostra antica tradizione. Concretizza l’unione di mente e corpo, pensiero e azione … un approccio olistico prezioso per la nostra salute e il nostro benessere. E non è soltanto esercizio; è un modo per scoprire il senso dell’essere tutt’uno tra noi stessi, il mondo e la natura.

I benefici dello yoga sulla salute

L’OMS ha chiamato gli Stati membri ad intraprendere azioni per risolvere la crescente inattività dei loro cittadini – una tendenza non sana che costituisce un fattore-chiave di rischio rispetto a malattie come cancro, diabete e patologie cardiovascolari.

Secondo la Clinica Mayo - un’organizzazione non-profit impegnata nella pratica, nella formazione e nella ricerca medica – i potenziali vantaggi dello yoga per la salute comprendono:

  • Riduzione dello stress, miglior qualità del sonno notturno, miglioramenti dell’umore e un aumentato senso di benessere
  • Maggiore forma fisica, equilibrio, flessibilità e forza
  • Gestione di condizioni croniche come cardiopatie e pressione alta

Qualcosa per ciascuno

L‘età non conta e nemmeno l’abilità. Esiste di sicuro un tipo di yoga che fa per voi! Dai bambini attivi che hanno bisogno di un’opportunità di rallentare il ritmo dopo aver fatto acrobazie tra scuola, compiti e doposcuola, alle persone anziane e a quelle che si muovono meno e che potrebbero anche apprezzare i benefici su mente, corpo e spirito di un esercizio moderato, da poltrona.

Questi i tipi di yoga più diffusi:

  • Hatha yoga: una base per tutti gli stili di yoga. Può essere una buona scelta se cercate di migliorare la vostra agilità. Il controllo della respirazione che lo caratterizza può aiutarvi a migliorare l’ossigenazione del corpo e alleviarvi lo stress.
  • Iyengar yoga: con utilizzo di attrezzi come cinture, blocchi di legno e rulli – che vi assistono per un corretto allineamento. Prevede un esercizio moderato e può funzionare bene anche per chi ha subito una ferita o è portatore di una condizione cronica.
  • Ashtanga yoga: può offrire una nuova sfida per chi ha già un discreto livello di agilità e forma fisica.
  • Bikram Toya: è il preferito di chiunque ama faticare e sudare! Le posizioni vengono eseguite in un ambiente riscaldato per facilitare il rilascio di tossine. Si tratta di uno stile fatto per offrire un’esperienza di yoga impegnativa, rinvigorente, rigenerante.

Qualsiasi tipo di yoga sceglierete, può valere la pena di iniziare con una lezione a tu per tu con un insegnante esperto, che vi aiuti a valutare i vostri specifici bisogni e vi avvii alla pratica nel miglior modo possibile.

Trovatevi un corso vicino, iscrivetevi per un ciclo di lezioni e godetevi la sensazione di leggerezza, scioltezza e rilassamento che certamente ne seguirà. Felicità!

PS Se vi sentite invogliati a fare movimento e a vivere sani, ecco un’ottima ragione per scaricare la nostra guida gratis!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Dalla Presidente di Firmo, Maria Luisa Brandi…

Pubblicato da Sunsweet - 05/5/2016

Oltre a essere un alimento molto amato e di facile assunzione, le prugne possono avere un ruolo per aiutare le ossa? In questo affascinante articolo, la professoressa Maria Luisa Brandi, presidente dell’associazione FIRMO – Raffaella Beccagli Onlus, ente non profit che ha come obiettivo la prevenzione e la cura dello scheletro, spiega perché alcuni nutrienti contenuti nelle prugne possono essere utili alla salute delle ossa.

Le prugne, benessere per le ossa!

Perché le prugne fanno bene alle ossa? Forse questa è la prima domanda che porranno i pazienti quando questo frutto delizioso verrà proposto come alimento utile alla salute ossea. E se è pur vero che da anni raccomandiamo la frutta secca come fonte di minerali fondamentali per lo scheletro, l'idea che le prugne secche possano aiutare a mantenere ossa sane non è così immediata. Per nobilitare quindi una raccomandazione che altrimenti rischierebbe di cadere nel vuoto, è utile divulgare i dati a supporto accumulati dalla ricerca scientifica.

22 milioni di donne e quasi 6 milioni di uomini in età tra i 50 e gli 84 anni sono affetti da osteoporosi nella Unione Europea.

Partiamo da un dato fondamentale: l'osteoporosi e le conseguenti fratture da fragilità sono un problema serio e i numeri parlano chiaro. 22 milioni di donne e quasi 6 milioni di uomini in età tra i 50 e gli 84 anni sono affetti da osteoporosi nella Unione Europea. Nel 2010 nel nostro Paese si sono verificate 465.000 nuove fratture da fragilità, con costi annuali diretti di quasi 2 miliardi di euro e di oltre 10 miliardi di euro se si calcolano anche le spese indirette.

La parola d'ordine è "prevenire", ma stiamo investendo in prevenzione solo il 2% di quanto spendiamo. Troppo poco! Come prevenire? Limitando i rischi. Ma quali sono i rischi reali di osteoporosi?

La più nota delle cause di osteoporosi è la menopausa, per la perdita della secrezione estrogenica ovarica. Ma anche lo stile di vita è fondamentale e questo include nutrizione e movimento. Sia donne che uomini dovrebbero infatti introdurre un grammo di calcio al giorno con la dieta e praticare attività fisica regolarmente e questo vale per entrambi i sessi.

Grande attenzione viene oggi data a studi di nutraceutica, la scienza che propone l'uso di alimenti naturali o parzialmente modificati per ottenere un risultato terapeutico. Questa disciplina si basa sull'assunto di cibi che contengono sostanze in grado di agire su meccanismi che regolano lo sviluppo di patologie croniche, quali malattie cardiovascolari, sarcopenia, tumori, malattie degenerative del tessuto nervoso e osteoporosi.

Il California Prune Board, con il supporto di Susweet growers inc., ha investito per primo sul valore nutrizionale delle prugne secche della California, con uno specifico interesse sul ruolo che questo frutto può svolgere nel mantenimento della salute dell'osso. Dalle ricerche si evince che le prugne secche contengono nutrienti sufficienti a renderle un importante attore nel regolare il metabolismo osseo e la resistenza dello scheletro.

Seppur limitati in numero, gli studi condotti ad oggi confermano un ruolo delle prugne nel mantenere le ossa in salute. Queste evidenze sono importanti, perché sono alla base di ogni sviluppo, anche di tipo farmacologico, di molecole utili a prevenire le fratture da fragilità.

Esistono anche studi condotti in donne dopo la menopausa, che seppur limitati per numero di osservazioni, dimostrano come una dieta arricchita di 100 grammi di prugne secche (10-12 prugne secche della California) al giorno sia in grado di ridurre significativamente, rispetto ai valori basali e a quelli di donne che assumono mele secche, prima i marcatori di metabolismo osseo, quali la fosfatasi alcalina ossea e l'osteocalcina e successivamente gli inibitori della formazione ossea, quali la sclerostina. Questo effetto bifasico è senz'altro utile al metabolismo osseo. In questi studi è stata inoltre evidenziata una riduzione della risposta infiammatoria nel gruppo di pazienti che assumeva prugne secche.

Oltre a questo effetto metabolico, le prugne sembrano inoltre in grado di aumentare la massa ossea con un incremento significativo della densità minerale ossea a livello della colonna vertebrale e dell'avambraccio. Anche una dose di 50 grammi al giorno di prugne secche (circa 4-5 prugne secche della California si è dimostrata efficace nel promuovere fenotipi ossei positivi, quali l’aumento dei marcatori di formazione ossea e riduzione dei marcatori di riassorbimento osseo, con conseguente metabolismo del tessuto osseo.

Questi risultati aprono a una domanda fondamentale: può essere formulata una domanda all’Agenzia competente per riconoscere un effetto meccanicistico dei componenti delle prugne secche nel migliorare le caratteristiche metaboliche del tessuto osseo? A questa domanda si deve rispondere tentando di comprendere le basi molecolari dell'azione trofica delle prugne secche sul metabolismo osseo.

Le prugne sono ricche in elementi chiave nel metabolismo osseo. Tra questi citiamo i polifenoli, molecole antiossidanti naturali in grado di mimare gli effetti degli estrogeni sul metabolismo osseo e sull'infiammazione. E che i polifenoli delle prugne abbiano un effetto positivo nel ridurre il riassorbimento osseo è stato dimostrato in vitro in cellule in coltura.

Ma le prugne sono ricche anche di micronutrienti indispensabili a mantenere un buon metabolismo osseo: tra questi il potassio (732 milligrammi in 100 grammi), il magnesio (41 milligrammi in 100 grammi), il boro (2,2 milligrammi per 100 grammi) e la vitamina K (60 microgrammi in 100 grammi). Le prugne contengono inoltre fibre in grado di promuovere l'assorbimento del calcio presente nella dieta. Queste ultime potrebbero facilmente essere assimilate, proprio per la funzione facilitatrice dell'assorbimento del calcio, a veri e propri prebiotici naturali. Per il boro è noto un effetto di riduzione della escrezione urinaria di calcio e magnesio. Anche il contenuto in vitamina K va meglio caratterizzato, perché questo nutriente è correlato al controllo della deposizione dei minerali, facilitando quella nell'osso e inibendo quella sui vasi.

Anche se ulteriori ricerche saranno necessarie per meglio quantificare e qualificare l'azione delle prugne secche sulla salute dello scheletro, i dati sono ad oggi accumulati ci permettono di concludere che 50/100 grammi di prugne secche al giorno svolgono un ruolo positivo nel mantenere la salute dell'osso, oltre ad esplicare numerose altre funzioni su organi e sistemi.

Cosa consigliare a chi, volendo usare una via naturale, desidera o mantenere o migliorare la salute delle proprie ossa? L'aggiunta nella dieta di prugne secche, come le Sunsweet, presenti da oltre 50 anni sul mercato italiano e apprezzate dai consumatori, è un mezzo facile per impostare un piano di prevenzione delle fratture da fragilità. L’importante è anche sottolineare come le prugne possono essere facilmente assunte, come ogni altro tipo di frutta, a qualsiasi età e sono efficaci sia a 8 che a 80 anni, anche sulla motilità intestinale!

Prof.ssa Maria Luisa Brandi Presidente F.I.R.M.O. Fondazione Raffaella Becagli Onlus


 

Riferimenti Bibliografici:

Bahram H. Arjmandi et al. – Journal of Women’s Healt and Gender-Based Medicine : 11:61, 2002 

Hooshmand S. et al. – British Journal of Nutrition : 106:923, 2011 Hooshmand S. et al. – British Journal of Nutrition : 112:55, 2014

Rendime E. et al. – PLOS One : 8:e60, 2013

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Ne bastano 5 al giorno? Parliamo di porzioni di frutta e verdura. E più sono, meglio è.

Pubblicato da Sunsweet - 07/4/2016

Alla luce di studi scientifici dove si afferma che adesso 5 porzioni al giorno non bastano più, come possiamo essere sicuri che la nostra famiglia assuma la frutta e la verdura necessarie per una salute ottimale, cercando al tempo stesso di fare pasti invoglianti e gustosi?

È primavera, finalmente. E con essa, ecco l’occasione per un inizio tutto nuovo, per scrollarsi di dosso la pigrizia invernale, fare la revisione delle nostre abitudini e così darci il miglior scatto possibile verso una vita sana e l’estate pieni di fiducia, positività e gratitudine. Eeeh! … E il carburante per tutto ciò? Buona frutta e verdura fragrante, in quantità!

Allora, 5 al giorno sono ancora abbastanza?

Le linee-guida delle 5 (porzioni di frutta e verdura) al giorno sono state introdotte nel 1990 – sulla base delle raccomandazioni dell’OMS – allo scopo di ridurre il rischio di cardiopatie, ictus, diabete e obesità. Circa un terzo di noi fa fatica ad assumere regolarmente le 5 porzioni al giorno. Ma uno studio durato dodici anni – dal 2001 al 2013 - dell’University College di Londra ha scoperto addirittura che, raddoppiando le quantità suggerite dalle linee-guida ufficiali e puntando alle dieci porzioni di frutta e verdura al giorno, potremmo avvantaggiarci e abbassare in modo significativo il rischio di morte prematura. L’autore principale dello studio, dottoressa Oyinlola Oyebode, ha dichiarato: “Il chiaro messaggio che qui emerge è che più frutta e verdura mangiamo, più difficilmente moriamo, a qualsiasi età. Il mio consiglio è quindi che per quanta ne mangiate adesso, cerchiate di mangiarne ancora di più.”

La varietà – per dare sapore a una vita sana

In scatola, fresca, surgelata o secca – come le prugne Sunsweet - la vostra frutta e verdura conta tutta, per le 5 porzioni al giorno. Bella notizia, specie se puntate alle 10 dosi giornaliere! Il trucco è mantenere interessante e invogliante il tutto, in modo che né voi né la vostra famiglia vi annoiate. E un gran bel modo per riuscirci è provare – nella scelta degli ingredienti - a puntare sui prodotti di stagione per quanti più pasti possibile.

Sapevate che già solo tre prugne valgono una delle porzioni giornaliere? Buono a sapersi, specie se avete l’ambizione di raggiungere le dieci porzioni! Tra le nostre ricette trovate moltissime idee di colazioni, piatti principali, insalate e macedonie, dessert e dolci per aiutarvi nel vostro intento.

Delizie di stagione

Col cambio di stagione, che bello approfittare della diversità naturale – aromi, consistenze, profumi e colori – dei prodotti del momento! Oltretutto, è anche un bel modo per voi e per tutta la famiglia di cambiare e di provare tantissimi diversi cibi per tutto l’anno. Aglio ursino, morchelle e verdure-basilari come cipollotti, crescione e rucola sono tutti fantastici in questo periodo a possono fare da base per i piatti primaverili, più leggeri, mentre naturalmente prendiamo le distanze dal cibo pesante dell’inverno. E se vi sentite ispirati da tutti i buoni doni della natura, perché non mettervi a coltivarne anche voi?

Coltivatene anche voi!

Coltivatene anche voi! Coltivare la vostra frutta e verdura è più facile di quanto pensiate. Un orto – fatto con un’aiuola, o con tanti vasi e vasetti – è un’ottima scusa per tutti per stare all’aria aperta. E poi, mangiare cibi sani, che avete piantato voi e visto crescere, può tentare anche i più incontentabili a provare qualcosa di nuovo. C’è davvero qualcosa di magico, per i bambini di tutte le età, in un seme che diventa una piantina e poi un frutto goloso. Le insalate sono quanto di più facile per cominciare: un angolo baciato dal sole, acqua in abbondanza. Impossibile sbagliare.

E per finire ...

Potete verificare proprio qui le credenziali ecologiche di Sunsweet's :

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi di salute.

Attività fisica, la „cura miracolosa“. Come farla funzionare per voi.

Pubblicato da Sunsweet - 17/3/2016

La chiamano la ‘cura miracolosa‘. Ed è gratis, ha effetto immediato, aiuta a socializzare, è divertente, adatta a tutte le età – con buono e col cattivo tempo – ed è scientificamente provato che può servire non soltanto a ridurre il rischio di malattie serie, ma anche a farvi vivere una vita più sana e più che mai felice. È … l’attività fisica. Sorpresi?

“Se l’attività fisica fosse una pillola, sarebbe uno dei farmaci più economici mai inventati!” afferma il Dr. Nick Cavill, un consulente che si occupa di promozione della salute.

I molti vantaggi di un’attività fisica regolare

È pur vero che gli argomenti a favore di un’attività fisica regolare non possono essere esagerati. Ma le persone che fanno molto movimento tipicamente riscontrano benefici di salute per i seguenti aspetti, tra i molti altri, nel senso che possono godere di una vita più sana e addirittura più felice:

  • Salute digestiva
  • Malattie coronariche e ictus
  • Diabete di tipo 2
  • Alcuni tipi di tumore
  • Osteoartrite, frattura dell’anca e cadute (negli anziani)
  • Depressione
  • Demenza senile

*Fonte: http://www.nhs.uk/Livewell/fitness/Pages/whybeactive.aspx

Quanto dovremmo muoverci?

Benché l’attività quotidiana sia importante, gli adulti dovrebbero in generale puntare a un minimo di 150 minuti di attività fisica nel corso di una settimana-tipo. D’inverno, però, quando i giorni sono più brevi, il tempo è un orrore e – a Natale in particolare – le richieste del nostro tempo sono frastornanti, allora può essere fin troppo facile lasciar franare le buone abitudini. Fortunatamente, la primavera è il momento perfetto per un nuovo inizio, per fare la revisione di tutte le routine che fanno bene, scuotere via quel senso di indolenza invernale – sia mentale che fisica – e andare verso l’estate con fiducia, positività e un sacco di energia. Cosa aspettate, allora?

5 trucchi per cominciare a muoversi!

  1. Scegliete qualcosa che davvero vi piace fare – correre, andare in bici o ballare per casa come un teenager!
  2. Mettetevi con persone che abbiano il vostro stesso entusiasmo, così eleverete il quoziente di divertimento del gruppo e sarà molto più facile stare agli accordi presi.
  3. Siate multitasking, cioè capaci di fare più cose insieme. Tutti abbiamo moltissimo da fare, di questi tempi; unire intelligentemente le attività potrebbe servire ad aumentare la vostra motivazione. Dedicate del tempo ai bambini, portate il cane a correre, fatevi una sana sudata organizzando una partitella ad alta intensità di gioco nel parco. Su le maniche, accendete lo stereo e via con le pulizie di primavera. Insomma, ci siamo capiti!
  4. Fate sì che muovere il vostro corpo diventi parte integrante della vostra vita quotidiana. Se vi capita di dover fare uno sforzo fisico extra, non sia mai che troviate scuse o che quell’esercizio esca dalla vostra lista delle priorità.
  5. E infine ... niente scuse. Sì, le nostre vite è vero che in genere sono più sedentarie, oggi come oggi. E sì, è vero anche che siamo sempre più condizionati dalle tecnologie. Ma se la responsabilità della vostra salute non ve la prendete voi in prima persona, chi volete che lo faccia?

Date carburante al movimento!

Dolci di natura, le prugne hanno un indice glicemico basso – vuol dire che rilasciano a loro energia con relativa lentezza in modo da soddisfare la voglia di zuccheri senza darvi una botta di energia a breve termine e poco dopo il picco contrario di tante altre merendine. Delle prugne è scientificamente provato che aiutano la digestione e sono un modo ottimo di superare la sensazione interna di rallentamento. Magari vi interessa anche il link sulla Digestione , per saperne di più sulle proprietà salutari delle prugne.

Auguri di una felice primavera!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi di salute.

È scientificamente provato. Il potere di una parola - ‘grazie‘!

Pubblicato da Sunsweet - 03/3/2016

Ci sono modi molto semplici per migliorare decisamente e sostenibilmente il vostro benessere psicofisico. Leggete le prove scientifiche a favore delle persone che sanno mettere l’accento su positività e riconoscenza. Cominciate dalle cose piccole e - prima ancora di rendervene conto – avrete un sacco di felicità!

Provate con un po’ di gratitudine e riconoscenza!

La primavera può essere il momento ideale per una revisione. Un’occasione per fare ordine in noi stessi e – una volta per tutte – liberarci delle vecchie abitudini che non ci servono più, per abbracciarne di più nuove e più sane. Abitudini come celebrare le feste – come la Festa del Papà o della Mamma, la Pasqua – e ricordarle, in un modo che ce le renda significative. Abitudini come festeggiare i successi – grandi e piccoli. Abitudini come notare le cose positive, per quanto minime, ed esprimere gratitudine per queste. Ci sono prove scientifiche del valore sia psichico sia fisico di questi semplicissimi cambiamenti graduali nelle abitudini quotidiane.

Saper festeggiare

Dall’Università di Berkeley, il Greater Good Science Center (GGSC) ci offre convincenti ragioni per abituarci ad essere riconoscenti. Secondo Juliana Breines, che scrive sul sito istituzionale dell’organizzazione, la ricerca sulla felicità – in corso da una ventina d’anni – ha un messaggio-chiave per tutti: dire “grazie”.

Dopo aver analizzato i risultati di innumerevoli studi scientifici, il GGSC ha scoperto che sviluppare un atteggiamento di gratitudine e riconoscenza può, tra l’altro:

  • avere un impatto positivo sul nostro benessere psichico e sulle nostre relazioni
  • ridurre la probabilità di ammalarci di depressione
  • aumentare la nostra resilienza nell’affrontare le molte inevitabili sfide della vita

Lamentarsi e pensare sempre al peggio possono, fin troppo facilmente, diventare un’abitudine. Se peraltro si guarda ai messaggi con cui siamo bombardati – dai notiziari TV tutti i giorni per tutto il giorno – il tono è in prevalenza cupo. Ma niente panico. Il GGSC ha sintetizzato quattro semplici mosse utili a coltivare un sano senso di gratitudine nonostante tutto quello che la vita ci getta addosso.

Essere riconoscenti. In 4 facili mosse.

  1. Contate le vostre “fortune”

    Ricordate che anche nella giornata più brutta sarà pur successo qualcosa di buono. Spendete qualche minuto per annotarvi queste cose buone, per piccole e insignificanti che possano sembrare. Secondo uno studio del Positive Psychology Center dell’Università della Pennsylvania, “quest’esercizio, fatto ogni giorno per una settimana, ha portato a miglioramenti in termini di felicità durati sei mesi”. Fa impressione, vero?

  2. Fate sottrazioni mentali

    Senza stressarvi troppo nel farlo ... immaginate che qualcosa che ora avete non ci sia più. Applicato agli oggetti, al lavoro e addirittura alle persone, già da solo questo giochetto potrebbe bastare per farvi apprezzare quelle cose e persone e smettere di darle per scontate!

  3. Assaporate

    Nel loro libro sull’arte di gustare la vita (“Savoring: A New Model of Positive Experience” - non tradotto in italiano) Fred B. Bryant e Joseph Veroff elogiano le virtù di una regolare “passeggiata per assaporare”. Camminare da soli per una ventina di minuti, facendo scrupolosa attenzione a ciò che vedete, fiutate etc etc intorno a voi, può – a quanto hanno scoperto gli autori – avere un effetto positivo sui vostri livelli di felicità anche per tutta la settimana dopo.

  4. Dite “grazie”

    Davvero, potrebbe esserci qualcosa di più semplice? Immaginate anche illuminarsi lo sguardo di chi riceve il vostro ringraziamento. Questa situazione è un classico win-win – ci guadagnano entrambe le parti.

Ragioni per essere riconoscenti – pensate alle prugne!

E mentre ci sentiamo l’animo in festa e ringraziamo per le piccole cose, sentiamo che cosa si dice delle prugne:

Le prugne: uno snack ultrarapido che tutto di frutta. Una nota ricca e golosa in un pasto festivo elaborato. E un sacco di altre cose belle e buone. Comode, naturali, le prugne sono un’aggiunta splendidamente versatile a tanti piatti, sia dolci che salati – lo meritano davvero un pizzico di riconoscenza.

E così, abbiamo riconosciuto che le prugne secche sono deliziose. Ma sapevate anche che possono davvero farvi bene? Seguite il link per scoprire altre ragioni in più per dire “grazie” alle prugne Sunsweet!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi di salute.

Colpevoli di amare troppo poco il vostro cuore? Scopriamo perché questo deve cambiare.

Pubblicato da Sunsweet - 04/2/2016

Anche se le statistiche ufficiali sulle malattie cardiache fanno pensare seriamente – parliamo comunque della principale causa di morte a livello mondiale – ci sono semplici azioni che si possono compiere per ottenere effetti positivi: dieta, movimento, gestione dello stress. Fate del bene al vostro cuore, questo febbraio. Sunsweet vi dà una mano.

San Valentino. La scusa ideale per dedicare un piccolo pensiero alla salute del nostro cuore. Ma, facendoci largo tra svenevolezze e cuoricini, per il momento, non parliamo di cuore in senso romantico. Anche perché le statistiche sulla salute del cuore – diffuse da fonti internazionalmente reputate, fanno seriamente riflettere.

  • Le malattie coronariche sono la principale causa di morte nel mondo.
  • Le malattie cardiovascolari causano, per esempio, più di un quarto dei decessi totali nel solo Regno Unito.

Malattie cardiache – fattori di rischio

Tra i fattori di rischio connessi con i problemi di cuore contiamo il diabete, la pressione alta, i livelli alti di colesterolo nel sangue, l’inattività fisica e una dieta povera. La Società Europea di Cardiologia* ha stilato alcuni dati rivelatori:

  • Le malattie cardiovascolari sono responsabili del 55% di tutte le morti femminili in Europa e del 43% delle morti maschili – sono dunque più letali di tutti i tipi di cancro sommati.
  • Pochi adulti nei paesi europei praticano un’adeguata attività fisica e l’inattività è più diffusa tra le donne che tra gli uomini.
  • La prevalenza del diabete in Europa è elevata ed è cresciuta rapidamente negli ultimi 10 anni, aumentando di oltre il 50% in molti Paesi.
  • Il costo delle malattie cardiovascolari sull’economia dell’Unione Europea è stimato a circa 169 miliardi di euro l’anno.

E benché per le malattie cardiache non sia un fattore di rischio diretto, il meccanismo con cui si cerca di affrontare lo stress –saltare l’attività fisica e diventare più sedentari nelle abitudini quotidiane, mangiare cibi poco sani ma consolatori e, ovviamente, bere troppo alcool o fumare – potrebbe diventarlo.

I vantaggi delle prugne

Lo stile di vita – dieta, movimento e gestione dello stress - ha un impatto fondamentale sul nostro benessere psicofisico. Parimenti, un atteggiamento di buon senso nei confronti della salute – come la scelta di mangiare cibi più sani per la maggior parte del tempo – è davvero importante.

Come nutriente apporto a una dieta sana e bilanciata e come modo gustoso per raggiungere le famose 5 porzioni di frutta e verdura al giorno, le pugne della California sono dolci, fragranti e ricche di fibre. Magari però non sapevate che hanno anche proprietà positive per la salute del cuore!

  • le prugne secche sono un’importante fonte di potassio, che concorre a una sana pressione sanguigna.
  • le prugne secche sono per natura prive di grassi saturi; ridurre il consumo di questi grassi contribuisce a mantenere nella norma i livelli di colesterolo nel sangue.
  • le prugne secche sono una fonte di vitamina K, che contribuisce a una normale coagulazione del sangue.

Per una lista più esauriente dei vantaggi delle prugne, è possibile consultare questa pagina:

Un trio di trucchi sani. Da provare.

Quando la vita si fa difficile e la motivazione alle sane abitudini viene meno, possono servirvi degli assi nella manica.

  • Una camminata e una chiacchierata con un amico o un’amica significano aria fresca e movimento, un’opportunità per sfogarsi un po’ e, intelligentemente, un modo per mettere una distanza tra voi e troppo caloriche tentazioni.
  • Un repertorio di ricette nutrienti e facili da fare. Il sito Sunsweet è una fonte ben provvista in questo senso. Per esempio, il nostro croccante tofu tandoori con salsa di prugne limiterà un po’ le lusinghe del menu takeaway indiano.
  • Una lista di piccoli piaceri per quando davvero serve qualcosa che vi faccia sentire bene. Smorzare le luci, accendere delle candele, prendersi un po’ di relax davanti al caminetto. Coccolare il corpo – e la mente – in un bagno caldo e fragrante di profumi. O gustare una fetta di finissima torta al cioccolato. Perché, in fin dei conti, già solo una piccola parte di ciò che desideriamo fa un gran bene al cuore!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi di salute.