ECCO LE NOTIZIE

PIU’ FRESCHE
Sunsweet is an agricultural cooperative

Sunsweet Prunes

Blog

Noi pubblichiamo regolarmente nel nostro blog notizie aggiornate sul benessere, ricette ed altro.

Natale: regali gastronomici, gradimento assicurato

Pubblicato da Sunsweet - 17/11/2016

Non vorremmo insistere, ma Natale è dietro l’angolo! Che ne dite, potrebbe essere proprio questo l‘anno in cui - con un po‘ di pianificazione – portate al minimo lo stress e al massimo la gioia, con tanti bei momenti da ricordare?

Nell’era della tecnologia, rischia di aumentare troppo la pressione a fare un Natale in famiglia perfetto e all’ultima moda. I social media ci inondano di immagini piene di lusso e di stile, fuori portata per molti di noi. Ma prima di farci abbattere e demoralizzare da modelli irraggiungibili, perché non ci prendiamo un po’ di tempo per andare alle radici di ciò che lo spirito del Natale significa veramente per noi e per le persone che amiamo? Se noi e voi un po’ ci somigliamo, famiglia e amici, cibi della festa e divertimenti saranno in cima alla lista.

Allora, perché quest’anno non vi organizzate per tempo dedicando un giorno o due a preparare dei bei regali gastronomici per i vostri cari e gli amici vicini e lontani? Potete coinvolgere tutta la famiglia – i bambini di tutte le età hanno davvero la loro parte da fare. Anche i più piccoli possono aiutarvi a disegnare o decorare le etichette che andranno su bottiglie e vasetti, per esempio. Non vi pare un bel modo per passare un grigio weekend autunnale? Riempire la casa di profumi che evocano il periodo delle Feste, creando regali unici, golosi e con il vostro tocco personale!

La psicologia e l’aspetto positivo dei regali fatti in casa

Secondo Allison Pugh, sociologa dell’Università della Virginia, fare un regalo è “un’espressione del fatto che si tiene veramente all’altra persona e si sa che cosa desidera." Chi non vorrebbe un dolce natalizio fragrante, una golosità speziata, una marmellata genuina coi colori delle pietre preziose o – questo per i più viziati – un vasetto di frutta al liquore o un torrone di pasticceria? A Natale, i regali gastronomici e le sorprese foodie fatti da voi sono doni da godere anche durante l’Anno Nuovo.

Peraltro, uno studio pubblicato negli USA sul Journal of Marketing ha rivelato che le persone percepivano i regali fatti in casa come più “sentiti” e che – genericamente parlando – l’amore era il messaggio espresso dal dono. Anzi, gli autori dello studio hanno scoperto che i prodotti fatti a mano erano visti come “letteralmente imbevuti d’amore”. Allison Pugh concorda e commenta “se i regali sono espressione e creazione d’amore, uno dei modi migliori di farli è mettere nel dono il proprio tempo. Quello sarà sempre un dono davvero potente." E anche noi siamo più che d’accordo!

Regali golosi, tutti da mangiare

I facilissimi shortbread salati prugne e rosmarino: sono crackers gustosi perfetti all’antipasto con formaggi o affettati; perché non prepararne il doppio e farne anche un pacchetto-omaggio per ogni ospite, chiuso con un bel nastro? O, se volete cimentarvi con qualcosa di più elaborato, i biscotti alle prugne con cioccolato biancoo il nordico Stollen ! I biscotti durano anche 8 settimane se ben conservati, ma sono al loro meglio se li si mangia entro un mese. Anche lo Stollen dura a lungo, se ben coperto e tenuto in un luogo fresco e asciutto. Sì, perché come tutti gli sformati diventa più umido e fragrante col tempo. Attingendo alle ricette dei pasticceri famosi, un’idea natalizia da portare a casa di amici è il plum-cake di Luca Montersino- con la ricetta che vi diamo ne fate due! Un altro dolce che potete facilmente trasformare in regalo è il torrone morbido di Loretta Fanella.

Potete mettere i vostri prodotti in bei sacchetti o scatoline, chiedendo magari ai più piccoli – figli, nipotini – di disegnare etichette su cui aggiungere suggerimenti per gustare il vostro regalo al meglio – una fetta di Stollen, per dire, è deliziosa se scaldata e accompagnata da un cucchiaio di marmellata di arance e prugne …

Buon divertimento!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Attività fisica e salute delle ossa

Pubblicato da Sunsweet - 06/10/2016

L’osteoporosi è un problema globale, colpisce fino a una donna su tre e un uomo su cinque. Fattori genetici potrebbero avere un ruolo nella probabilità che un individuo ha di ammalarsi di osteoporosi, ma anche fattori connessi allo stile di vita possono influire. Ci sono però dei semplici passi da fare – come attività di caricamento del peso, rafforzamento dei muscoli - per migliorare la salute delle ossa. 


Ma quanto è diffusa l’osteoporosi?

Questa patologia causa alle ossa un indebolimento tale, che esse sono più facilmente soggette a fratture. Secondo la IOF, fino a una donna su tre e un uomo su cinque (dai 50 anni in su) soffriranno una frattura da osteoporosi. Queste fratture possono risultare dolorose, causare disabilità a lungo termine o addirittura diventare una minaccia letale.

Si può fare qualcosa per riuscire a prevenire l’osteoporosi?

Benché fattori genetici possano avere un ruolo nella probabilità che un individuo ha di ammalarsi di osteoporosi, anche fattori connessi allo stile di vita possono influire. Ci sono però dei semplici passi da fare per migliorare la salute delle ossa e non dipendono dal sesso, dall’età o dalla condizione di salute delle ossa. Eccone alcuni:

  • Attività di caricamento del peso, rafforzamento muscolare
  • Una dieta equilibrata, ricca di nutrienti come calcio, proteine e vitamina D
  • L’eliminazione delle sigarette e un consumo limitato di alcool

Il ruolo dell’attività fisica

Costruire e mantenere una buona salute ossea è essenziale sia per gli uomini che per le donne - e a tutte le età. L’attività fisica è davvero un eccellente punto di partenza, per costruire e mantenere forza nelle ossa e nei muscoli. Gli adulti che fanno poco esercizio perdono densità ossea più velocemente rispetto alle loro controparti in forma scattante. E le persone anziane sedentarie saranno probabilmente molto più soggette a fratture. Secondo la IOF, questo accade perché le ossa rispondono e si rafforzano quando vengono sollecitate e il modo migliore per farlo qual è? Fare molta attività di caricamento del peso.

Quali sono le attività di caricamento del peso?

Le attività di caricamento del peso – del tipo utile all’ossatura – sono tutte quelle che richiedono una contrapposizione alla forza di gravità. Nuotare e andare in bici, ad esempio, non lo sono, ma buoni esempi possono essere:

  • Sollevamento pesi
  • Trekking
  • Corsa
  • Tennis
  • Danza

Perciò, cosa aspettate? Le vostre ossa – per non parlare di tutto il resto del corpo – vi ringrazieranno per un buon allenamento come si deve.

Perché Sunsweet è coinvolta nella campagna?

Nell’ambito di una dieta nutriente, frutta e verdura consumate in abbondanza possono avere un impatto positivo sulla salute complessiva dell’organismo. E la salute delle ossa non fa eccezione. Sapevate che le prugne possono essere un alleato per gestire la salute ossea? La ricerca scientifica suggerisce che i nutrienti in esse contenuti – come la vitamina K e il manganese – possono aiutare nel mantenimento di ossa sane. Aumentano i motivi per far scorta di queste piccole - e golose - ricariche di energia! 

Per maggiori informazioni

Se desiderate saperne di più sulla salute delle ossa, date un’occhiata alla sezione del nostro sito dedicata a questo argomento. O visitate anche la nostra libreria virtuale da cui potete scaricare documenti informativi, di piacevole lettura, tra cui:

Attenzione:  Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Il barbecue da veri esperti – trucchi, spunti e una ricetta

Pubblicato da Sunsweet - 21/7/2016

Estate, il momento perfetto per ritrovarvi con amici e famiglia, rilassati e in compagnia, contenti di mangiare insieme. E cosa c’è di più gustoso di una bella grigliata all‘aperto? Leggete i nostri trucchi e spunti per un barbecue sano e divertente.

Re delle Grigliate!

Cos’è che in questo periodo dell’anno fa sì che molti signori uomini si sentano ciascuno il Re delle Grigliate? Forse un ritorno ai tempi preistorici dei cacciatori-raccoglitori? O forse il rituale di accendere il fuoco, il brivido sottile del potenziale pericolo? La gioia di trovarsi all’aperto? Ridere e scherzare con i loro simili? Il gusto delle prodezze culinarie fuori dai confini della cucina ... e dall’obbligo di ripulire?

Probabile che la questione resti senza risposta. Ma, chiunque finisca per cucinare, per il barbecue c’è ben più di hamburger già pronti e salsicce sfrigolanti. Quest’anno perché non strappare un WOW di meraviglia a tutti quanti con grigliate gustose, nutrienti e facili da fare?

Sì, ma in tutta salute

Barbecue e grigliate, la migliore combinazione di due piaceri della vita: godersi la vita all’aperto e mangiare buon cibo con la famiglia e con gli amici. Tanto più che, con un minimo di pianificazione, se volete, scelte sane di alimentazione e stile di vita non vengono meno davanti al barbecue acceso.

Vi basta scegliere:

  • Tagli di carne più magri – pollo, bistecca, cotoletta.
  • Pesce – salmone, rana pescatrice, gamberoni, tonno, anche un pesce di per sé non magro come lo sgombro.
  • Spiedini vegetali coloratissimi – peperoni, cipolle bianche e rosse, funghi, zucchini, pomodorini, tofu.
  • Patate al forno – senza esagerare col burro! – che saziano e hanno pochi grassi.

Lasciate perdere i panini e servite piuttosto un assortimento appetitoso di insalate varie. Anche aggiungendo frutta fresca e secca, noci, mandorle o semi, che sono un modo bellissimo per giocare con le consistenze e un gusto croccante. E per condire, scegliete chutney di frutta e condimenti leggeri invece che buttarvi su maionese e salse agrodolci, che sono ipercaloriche.

Questa Salsa Piccante alle Prugne, facilissima da fare, accompagna alla perfezione grigliate di carne, pesce, verdure.

Ingredienti

Tempo occorrente: 30 min circa


Ingredienti per circa 625 ml:
150g prugne Sunsweet 
1 cipolla a dadini
aglio, 2 spicchi tritati
olio, 1 cucchiaio 
concetrato di pomodoro, 1 cucchiaio
500 ml Ketchup
whisky, 3 cucchiai 
salsa Worcester, 5 cucchiai
aceto di mele, 2 cucchiai
zucchero di canna, 3 cucchiai 
1 pizzico si sale
½ - cucchiaino di chili in polvere
1 cucchiaino di paprika in polvere
pepe nero

Preparazione

  1. Tagliare le prugne a pezzettini. Scaldare l’olio in una padella e soffriggere la cipolla a fuoco medio finché diventa trasparente.
  2. Aggiungere l’aglio, le prugne e il concentrato di pomodoro e fate saltare. Unire Ketchup, whisky, salsa Worcester e aceto di mele. Mescolando, aggiungere anche zucchero, sale, chili, paprika e pepe.
  3. Portare la salsa a bollore e lasciar sobbollire per 15 minuti, mescolando ogni tanto. Versare in vasetti puliti e sigillare una volta freddi. Si conserva per 4 settimane.

*Trucchi Sunsweet: Sapevate che con il succo di prugne potete rendere la carne più tenera? Grazie al suo aroma fruttato, si sposa bene sia col pollame sia con le carni rosse. Mettete a bagno in acqua gli stecchi di legno per gli spiedini prima di usarli, per evitare che si brucino sulla griglia.

Cercate idee per fingerfood e dessert? Date un’occhiata alle 16 pagine del nostro ricettario .

Alla larga i mal di pancia

I barbecue migliori si ricordano per le giuste ragioni, perciò non lasciate che il divertimento e la frivolezza vi facciano dimenticare la sicurezza alimentare: studi scientifici hanno rilevato che durante i mesi estivi raddoppiano i casi di avvelenamento da cibo. Tra le cause principali di questo ci sono la carne poco cotta e la contaminazione batterica tra i diversi cibi. Aiuto! Perciò, quest’anno, per favore, documentatevi su fonti che parlano di cibo sicuro – come dove trovate consigli e trucchi per fare tutto in modo sano.

Divertitevi, mangiate con gusto e state bene!

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Ultimissime sulla Sindrome dell‘intestino Irritabile con Stitichezza

Pubblicato da Sunsweet - 16/6/2016

La Sindrome dell‘intestino Irritabile con Stitichezza è un disturbo sorprendentemente comune. Per i suoi sintomi penosi e potenzialmente limitanti, vorrete stroncarla sul nascere. Tranquilli. Ci sono moltissime soluzioni di autocura che funzionano.

La sorprendente diffusione della SII

ISe soffrite di Sindrome dell’Intestino Irritabile (SII), non siete soli. Stando ai dati dell’IFFGD (*), il 10-15% della popolazione mondiale accusa questo stesso disturbo. Interessante è anche il fatto che le donne, rispetto agli uomini, hanno il doppio delle probabilità di soffrirne. Il 40% delle persone presenta una SII leggera, il 35% soffre di una forma di SII moderata e il 25% invece, grave. Eppure molti ancora non sanno riconoscerne i sintomi.

(*) siglia di “International Foundation for Functional Gastrointestinal Disorder”, la Fondazione Internazionale per i Disturbi Gastrointestinali

Che cos’è la SII e quali cause ha?

La SII è una condizione relativa a sintomi - altrimenti inspiegabili – che colpiscono l’apparato digerente. Tali sintomi possono molto variare per gravità e durata ed essere anche intermittenti. Benché le cause specifiche della SII siano poco chiare, fattori psicologici come lo stress possono scatenare la comparsa dei suoi sintomi. Anche dieta, cibo e modo di mangiare possono incidere sui sintomi; molti notano l’acuirsi dei sintomi dopo i pasti e questo li porta a congetturare potenziali allergie o intolleranze alimentari.

La Sindrome dell’Intestino Irritabile è stata classificata in forme diverse in base ai sintomi: SII con diarrea; SII con stitichezza; oppure SII mista, che comprende tratti di diarrea e stitichezza.

Chi soffre di SII con Stitichezza, soffre, sostanzialmente, di stitichezza.

Le prugne e la regolarità intestinale

Le prugne hanno un alto contenuto in fibre e contribuiscono alla regolarità intestinale – quando se ne consumano 100g al giorno, avendo un’alimentazione varia ed equilibrata e uno stile di vita attivo. E, a differenza di molti altri succhi di frutta, il succo di prugne è fonte di fibre.

Trattare i sintomi della SII con Stitichezza

I sintomi della SII con Stitichezza spesso si possono trattare con cambiamenti nell’alimentazione e nello stile di vita. Le persone che soffrono di questo disturbo possono fare qualcosa per alleviarne i sintomi già solo modificando l’apporto di fibre nella loro dieta. I due tipi principali di fibre sono quelle solubili (che l’organismo digerisce) e quelle insolubili (non digeribili). Tra le fibre solubili troviamo fiocchi d’avena, frutta e verdura. Tra i cibi con fibre insolubili troviamo invece il pane integrale e i cereali. Se soffrite di SII con Stitichezza, è sensato provare ad aumentare la quantità di fibre nella vostra dieta e assumere più liquidi.

L’IBS Network UK, ente britannico che si occupa di SII, divulga, come da tradizione, consigli di carattere nutrizionale per trattare la stitichezza e raccomanda:

  • Aumentare l’apporto di fibre nella dieta, aggiungendo semi di lino, cereali, etc
  • Fare colazione ogni mattina con fiocchi d’avena e frutta secca – specialmente prugne e albicocche
  • Mangiare più frutta e verdura; prugne e barbabietole possono essere particolarmente utili

C’è un aiuto a portata di mano per chi soffre di SII con Stitichezza?

Sì, c’è, e forse sarà un sollievo saperlo. Concretamente, abbiamo collaborato con l’IBS Network UK (un ente benefico che nel Regno Unito assiste chi soffre di Sindrome dell’Intestino Irritabile) e insieme abbiamo realizzato un opuscolo completo e documentato con informazioni aggiornate e utili consigli su come gestire la SII con Stitichezza. Questo ente punta anche a promuovere un programma di autocura per i pazienti, dando loro informazioni qualificate e assistenza. Quell’opuscolo ve lo offriamo gratis.

Allora, scaricate “Dieta, ricette e linee-guida sulla stipsi da sindrome dell’intestino irritabile (SII)” per scoprire di più su:

  • Spunti e consigli per l’alimentazione
  • L’importanza delle fibre nel trattare la SII con Stitichezza
  • Cibi da preferire
  • Cibi da evitare
  • Un esempio di programma quotidiano dei pasti

PS: cercate altre informazioni sulla digestione e dintorni? Sono nella sezione dedicata alla digestione .

Attenzione: Le prugne aiutano la digestione e la regolarità intestinale quando se ne consumano 100 g al giorno nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita attivo. Consultare sempre il proprio medico in caso di problemi.

Prugne secche-un toccasana per la gravidanza

Pubblicato da Sunsweet - 06/3/2015

Ti senti gonfia, stanca e piuttosto sottotono? Hai voglia di uno spuntino e non riesci a controllarti? Da quando sei incinta la digestione è diventata un incubo?


Vorremmo tanto dirti che mangiando una prugna secca tutto passerà e magicabula!, durante tutta la gravidanza sarai in forma e piena di energia, ma non è così. Però possiamo dirti che le prugne secche sono ricche di alcune sostanze naturali che potrebbero esserti d'aiuto in alcune occasioni.

La voglia di dolce

Le prugne soddisfano il bisogno di zucchero. Sono naturalmente dolci ma prive di zuccheri aggiunti. Potrebbero sostituire dolci e dolcetti, non sempre, è ovvio, ma tenerne qualcuna in borsa non è una cattiva idea (le Sunsweet Ones sono impacchettate una ad una e puoi portarle sempre con te).

Su con la vita!

La gravidanza può essere faticosa. Al mattino, anche come spuntino tra la colazione e il pranzo, le prugne possono darti la giusta dose dienergia. Sono infatti ricche di carboidrati e, almeno per parte della giornata, non ti sentirai privata delle tue solite forze.

Mangiale per non mangiare

Non è uno scioglilingua. Le prugne secche, come di sicuro saprai, sono ricche di fibre. Le fibre vengono spesso consigliate a chi vuole dimagrire perché danno la sensazione di sazietà. Se ti viene voglia di un doppio hamburger con maionese a go-go ma hai già mangiato 3 supplì di riso con mozzarella e pomodoro, prova a mangiare una prugna, e la voglia di panino ti passerà (o, perlomeno, ti passerà un pochino la fame).

E datti una calmata

La vitamina B6 e il manganese contenuti nelle prugne, ti aiuteranno in caso di stress. Se l'idea di avere un bambino ti mette ansia e se gli sbalzi di umore si stanno impadronendo di te, sappi che le prugne sono un buon rimedio. Mangiarne qualcuna in più (ma senza esagerare) non guasta.

Vuoi saperne di più sull'alimentazione sana in gravidanza? Dai un occhiata al nostro sito dedicato alle neomamme!